Guestbook

Scrivi un nuovo messaggio sul guestbook

 
 
 
 
 
 
I campi contrassegnati con * sono obbligatori.
Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.
Per ragioni di sicurezza salveremo il tuo indirizzo IP 3.231.228.109.
Il tuo messaggio potrebbe essere visibile nel guestbook solo dopo che l'avremo controllato.
Ci riserviamo il diritto di modificare, eliminare o non pubblicare messaggi.
202 entries.
britneyk britneyk da britneyk pubblicato il 23 settembre 2019 alle 12:32:
Hey, my name is Britney!

I`m an academic writer and I`m going to change your lifes onсe and for all
Writing has been my passion for a long time and now I can`t imagine my life without it.
Most of my works were sold throughout Canada, USA, China and even India. Also I`m working with services that help people to save their nerves.
People ask me "Please, Britney, I need your professional help" and I always accept the request, `cause I know, that only I can solve all their problems!

Professional Academic Writer - Britney Kay - [url=https://www.minds.com/amberwilson]Amber Wilson[/url] Corps
KennethBON KennethBON da KennethBON pubblicato il 22 settembre 2019 alle 17:16:
hOur company provides a wide variety of non prescription products. Visit our health website in case you want to look healthier with a help general health products. [url=https://8b5t.cbdordersnow.com/nl/verkoop-levitra-qc-supply-95358.html]https://8b5t.cbdordersnow.com/nl/verkoop-levitra-qc-supply-95358.html[/url] Our company provides safe supplements. Look at our health contributing portal in case you want to look better. [url=https://p5.cbdordersnow.com/nl/kopen-propecia-en-22975.html]https://p5.cbdordersnow.com/nl/kopen-propecia-en-22975.html[/url] Our site offers a wide variety of non prescription drugs. Take a look at our health site in case you want to look better with a help of generic supplements. [url=https://p6o.cbdordersnow.com/nl/koop-clomid-day-use-41961.html]https://p6o.cbdordersnow.com/nl/koop-clomid-day-use-41961.html[/url] Our site offers a wide variety of non prescription drugs. Visit our health site in case you want to look better with a help health products. [url=https://9a.cbdordersnow.com/da/ordre-propecia-coupon-34766.html]https://9a.cbdordersnow.com/da/ordre-propecia-coupon-34766.html[/url] Our company provides herbal weight loss products. Look at our health contributing portal in case you want to improve your health. https://2w.cbdordersnow.com/nl/doxycycline-on-sale-online-66672.html Our company offers herbal weight loss products. Look at our health contributing site in case you want to look better. [url=https://e5z.cbdordersnow.com/da/prednisone-uden-recept-drobenka-91464.html]https://e5z.cbdordersnow.com/da/prednisone-uden-recept-drobenka-91464.html[/url]
Our company offers supreme quality health products. Visit our health contributing website in case you want to look healthier. [url=https://pf4.cbdordersnow.com/da/billig-hydrochlorothiazide-when-does-it-go-generic-2542.html]https://pf4.cbdordersnow.com/da/billig-hydrochlorothiazide-when-does-it-go-generic-2542.html[/url] Our company provides a wide variety of pharmacy. Look at our health contributing website in case you want to look better. [url=https://3b6j.cbdordersnow.com/es/venta-accutane-sells-75875.html]https://3b6j.cbdordersnow.com/es/venta-accutane-sells-75875.html[/url] Our company offers a wide variety of general health products. Take a look at our health contributing site in case you want to improve your health. [url=https://j3o9.cbdordersnow.com/fr/zoloft-prix-zvab-66771.html]https://j3o9.cbdordersnow.com/fr/zoloft-prix-zvab-66771.html[/url] Our site offers a wide variety of non prescription drugs. Visit our health site in case you want to look better with a help of general health products. https://o24m.cbdordersnow.com/da/ordre-doxycycline-ototoxicity-85264.html Our company offers supreme quality health products. Look at our health contributing site in case you want to feel healthier.
JosephLox JosephLox da JosephLox pubblicato il 14 settembre 2019 alle 1:22:
The international Dating site eHarmony is chargeable,
but provides special offers for free communication for new users, as well as discounts and subscription coupons.
Get VIP status for free...
http://king-thieves51.ru/eharmony.html
DanielCleds DanielCleds da DanielCleds pubblicato il 12 settembre 2019 alle 22:07:
Hi, i think that i saw you visited my site thus i came to return the favor.I'm trying to find things to enhance my website!I suppose its ok to use a few of your ideas!!


[url=http://ufuyfy6576fuyj.info/ubwin/zyban.php]purchase zyban[/url]
[url=http://ufuyfy6576fuyj.info/ubwin/altace.php]buy altace 5 mg[/url]
[url=http://ufuyfy6576fuyj.info/ubwin/paxil20.php]order paxil[/url]
[url=http://ufuyfy6576fuyj.info/ubwin/effexor.php]purchase effexor 75 mg[/url]
[url=http://ufuyfy6576fuyj.info/ubwin/celexa.php]order celexa[/url]
[url=http://ufuyfy6576fuyj.info/ubwin/lexapro.php]cheap lexapro 20 mg[/url]
[url=http://ufuyfy6576fuyj.info/ubwin/celebrex.php]celebrex 200 mg cost[/url]
[url=http://ufuyfy6576fuyj.info/ubwin/propecia.php]cheap propecia 1 mg[/url]
[url=http://ufuyfy6576fuyj.info/ubwin/avandia.php]purchase avandia[/url]
[url=http://ufuyfy6576fuyj.info/ubwin/avandia8.php]discount avandia 8 mg[/url]
[url=http://ufuyfy6576fuyj.info/ubwin/levaquin.php]levaquin low price[/url]
[url=http://taalla.biz/letrozole.html]osta alennus femara[/url]
[url=http://taalla.biz/estrogen.html]järjestys konjugoidut estrogeenit[/url]
[url=http://taalla.biz/finasteride.html]osta alennus propecia[/url]
[url=http://taalla.biz/clotrimazole.html]gyne-lotrimin[/url]
[url=http://taalla.biz/ivermectin.html]halpa Ivermectin[/url]
[url=http://taalla.biz/triamcinolone.html]Triamcinolone alhainen hinta[/url]
[url=http://taalla.biz/ketoconazole.html]ketoconazol alhainen hinta[/url]
[url=http://taalla.biz/sumatriptan.html]osta imitrex[/url]
[url=http://taalla.biz/topiramate.html]halpae Topiramat[/url]
[url=http://taalla.biz/valacyclovir.html]halpa Valacyclovir[/url]
[url=http://taalla.biz/trazodone.html]osta desyrel[/url]
[url=http://taalla.biz/tamoxifen.html]osta alennus nolvadex[/url]
[url=http://taalla.biz/tetracycline.html]Tetracyclin kost[/url]
[url=http://taalla.biz/tamsulosin.html]osta yleinen Tamsulosin[/url]
[url=http://taalla.biz/venlafaxine.html]osta Effexor Venlafaxine[/url]
[url=http://taalla.biz/bupropion.html]järjestys godtbutrin online[/url]
[url=http://taalla.biz/warfarin.html]osta yleinen warfarin[/url]
[url=http://taalla.biz/doxycycline.html]osta doxycyclin[/url]
[url=http://taalla.biz/hydroxyzine.html]järjestys online atarax[/url]
[url=http://taalla.biz/ibuprofen.html]osta alennus Ibuprofen[/url]
[url=http://taalla.biz/amitriptyline.html]osta elavil[/url]
[url=http://taalla.biz/vardenafil.html]halpa Vardenafil[/url]
[url=http://taalla.biz/gabapentin.html]Gabapentin hinta[/url]
[url=http://taalla.biz/levothyroxine.html]osta alennus synthroid[/url]
[url=http://taalla.biz/lamotrigine.html]alennus lamotrigin[/url]
[url=http://taalla.biz/fluconazole.html]fluconazol hinta[/url]
[url=http://taalla.biz/fluoxetin.html]osta yleinen fluoxetin[/url]
[url=http://taalla.biz/ciprofloxacin.html]osta cipro[/url]
[url=http://taalla.biz/duloxetine.html]osta yleinene cymbalta[/url]
[url=http://taalla.biz/atomoxetine.html]alennus strattera[/url]
[url=http://taalla.biz/azithromycin.html]zithromax hinta[/url]
[url=http://taalla.biz/doxepin.html]sinequan hinta[/url]
[url=http://taalla.biz/sertraline.html]järjestys Sertraline[/url]
[url=http://taalla.biz/quetiapine.html]osta yleinen Quetiapine[/url]
[url=http://taalla.biz/cephalexin.html]keflex alhainen hinta osta keflex osta Cephalexin osta Cephalexin online osta Cephalexin Cephalexin Cephalexin hinta Cephalexin hinta Cephalexin halpae Cephalexin[/url]
[url=http://taalla.biz/propranolol.html]Propranolol alhainen hinta[/url]
[url=http://taalla.biz/prednisolone.html]alennus deltasone[/url]
[url=http://taalla.biz/clomiphene.html]halpa clomid[/url]
[url=http://taalla.biz/fluvoxamine.html]halpa luvox[/url]
[url=http://taalla.biz/furosemide.html]osta lasix[/url]
[url=http://taalla.biz/dapoxetine.html]Dapoxetine alhainen hinta[/url]
[url=http://taalla.biz/furosemide.html]osta Cytotec online[/url]
[url=http://taalla.biz/atorvastatin.html]Atorvastatin hinta[/url]
[url=http://taalla.biz/augmentin.html]osta alennus augmentin[/url]
[url=http://taalla.biz/aripiprazole.html]osta Aripiprazole[/url]
[url=http://taalla.biz/penicillin.html]osta penicillin[/url]
[url=http://taalla.biz/pioglitazone.html]osta actos online[/url]
[url=http://taalla.biz/sildenafil.html]alennus Sildenafil[/url]
[url=http://taalla.biz/naltrexone.html]osta revia[/url]
[url=http://taalla.biz/naproxen.html]Naproxen alhainen hinta[/url]
[url=http://taalla.biz/amlodipine.html]osta amlodipin[/url]
[url=http://taalla.biz/paroxetine.html]alennus paroxetin[/url]
[url=http://taalla.biz/montelukast.html]Montelukast[/url]
[url=http://taalla.biz/simvastatin.html]osta zocor[/url]
[url=http://taalla.biz/orlistat.html]osta alennus Orlistat[/url]
[url=http://taalla.biz/pantoprazole.html]järjestys protonix[/url]
[url=http://taalla.biz/esomeprazole.html]osta Esomeprazole[/url]
[url=http://taalla.biz/estradiol.html]järjestys Estradiol online[/url]
[url=http://taalla.biz/erythromycin.html]järjestys ilosone[/url]
[url=http://taalla.biz/albuterol.html]osta Proventil online[/url]
[url=http://taalla.biz/acyclovir.html]Acyclovir hinta[/url]
[url=http://taalla.biz/alendronate.html]osta fosamax[/url]
[url=http://taalla.biz/amoxicillin.html]osta yleinen amoxicillin[/url]
[url=http://taalla.biz/antabuse.html]alennus Antabuse[/url]
[url=http://taalla.biz/clindamycin.html]cleocin hinta[/url]
[url=http://taalla.biz/lisinopril.html]järjestys Lisinopril[/url]
[url=http://taalla.biz/metformin.html]glucophage[/url]
[url=http://taalla.biz/lithium.html]osta lithium online[/url]
[url=http://taalla.biz/methotrexate.html]järjestys methotrexat online[/url]
[url=http://taalla.biz/metronidazole.html]osta alennus Metronidazol[/url]
[url=http://taalla.biz/mirtazapine.html]remeron alhainen hinta osta remeron Mirtazapine osta Mirtazapine osta Mirtazapine Mirtazapine Mirtazapine Mirtazapine Mirtazapine Mirtazapine Mirtazapine Mirtazapine Mirtazapine Mirtazapine Mirtazapine Mirtazapine Mirtazapine Mirtazapine[/url]
[url=http://taalla.biz/minocycline.html]minocin hinta[/url]
[url=http://taalla.biz/celecoxib.html]celebrex hinta[/url]
[url=http://taalla.biz/linezolid.html]zyvox alhainen hinta[/url]
[url=http://taalla.biz/loratadine.html]osta yleinen claritin[/url]
[url=http://taalla.biz/cetirizine.html]alennus zyrtec[/url]
[url=http://taalla.biz/buspirone.html]järjestys Buspirone[/url]
[url=http://taalla.biz/citalopram.html]halpa celexa[/url]
[url=http://taalla.biz/diclofenac.html]osta Diclofenac[/url]
[url=http://ufuyfy6576fuyj.info/ubwin/zyban.php]zyban cost[/url]
[url=http://ufuyfy6576fuyj.info/ubwin/altace.php]order altace 5 mg[/url]
[url=http://ufuyfy6576fuyj.info/ubwin/paxil20.php]paxil 20 mg low price[/url]
[url=http://ufuyfy6576fuyj.info/ubwin/effexor.php]effexor price[/url]
[url=http://ufuyfy6576fuyj.info/ubwin/celexa.php]purchase celexa 20 mg[/url]
[url=http://ufuyfy6576fuyj.info/ubwin/lexapro.php]buy lexapro[/url]
[url=http://ufuyfy6576fuyj.info/ubwin/celebrex.php]celebrex low price[/url]
[url=http://ufuyfy6576fuyj.info/ubwin/propecia.php]discount propecia[/url]
[url=http://ufuyfy6576fuyj.info/ubwin/avandia.php]purchase avandia[/url]
[url=http://ufuyfy6576fuyj.info/ubwin/avandia8.php]buy avandia[/url]
[url=http://ufuyfy6576fuyj.info/ubwin/levaquin.php]buy levaquin online[/url]
Richardcew Richardcew da Richardcew pubblicato il 11 settembre 2019 alle 13:54:
hOur company offers a wide variety of non prescription drugs. Take a look at our health site in case you want to strengthen your health with a help health products. [url=https://m5.thebestpills.biz/es/index.html]https://m5.thebestpills.biz/es/index.html[/url] Our company offers a wide variety of non prescription products. Take a look at our health website in case you want to look better with a help of health products. [url=https://a5w7.thebestpills.biz/da/index.html]https://a5w7.thebestpills.biz/da/index.html[/url] Our company provides a wide variety of non prescription drugs. Look at our health site in case you want to to improve your health. [url=https://f8z.thebestpills.biz/it/index.html]https://f8z.thebestpills.biz/it/index.html[/url] Our company offers a wide variety of non prescription drugs. Visit our health website in case you want to look healthier with a help generic supplements. [url=https://tk3.thebestpills.biz/es/index.html]https://tk3.thebestpills.biz/es/index.html[/url] Our company offers a wide variety of non prescription products. Take a look at our health portal in case you want to to feel healthier with a help of health products. https://e3q.thebestpills.biz/sv/index.html Our company provides generic pills. Visit our health contributing portal in case you want to look better. [url=https://5y8a.thebestpills.biz/sv/index.html]https://5y8a.thebestpills.biz/sv/index.html[/url]
Our company provides a wide variety of non prescription products. Take a look at our health site in case you want to look healthier with a help of general health products. [url=https://d6.thebestpills.biz/de/index.html]https://d6.thebestpills.biz/de/index.html[/url] Our company offers health products. Visit our health contributing site in case you want to feel better. [url=https://s7.thebestpills.biz/sv/index.html]https://s7.thebestpills.biz/sv/index.html[/url] Our company provides a wide variety of non prescription products. Take a look at our health contributing website in case you want to strengthen your health. [url=https://hs96.thebestpills.biz/it/index.html]https://hs96.thebestpills.biz/it/index.html[/url] Our site offers a wide variety of non prescription drugs. Take a look at our health site in case you want to feel better with a help health products. https://8i.thebestpills.biz/es/index.html Our company provides a wide variety of non prescription drugs. Look at our health site in case you want to to feel healthier with a help of health products.
NancyCox NancyCox da NancyCox pubblicato il 16 agosto 2019 alle 14:04:
Good afternoon.
My name Olya.
Looking for a guy to meet. I will come to your area or meet me. I live in the next doorway.
Click here
sabrinar sabrinar da sabrinar pubblicato il 16 luglio 2019 alle 13:00:
My name is Sabrina. And I am a professional academic writer with many years of experience in writing.

My primary goal is to solve problems related to writing. And I have been doing it for many years. I have been with several groups as a volunteer and have assisted people in many ways.
My love for writing has no end. It is like the air we breathe, something I cherish with all my being. I am a full-time writer who started at an early age.
I’m happy that I`ve already sold several copies of my works in different countries like Canada and China and others too numerous to mention.
I also work in an organization that provides assistance to many students from different parts of the world. People always come to me because I work no matter how complex their projects are. I help them to save energy, because I feel fulfilled when people come to me for professional help.

Academic Writer – Sabrina Russell - [url=http://www.translationservicesvancouver.com/]Translationservicesvancouver[/url] Corps
sabrinar sabrinar da sabrinar pubblicato il 8 luglio 2019 alle 13:20:
Welcome everyone ! I’m Sabrina Russell.
Even though I jokingly credit my aunt for my writing talent, I know that it is a talent I have fostered from childhood. Though my grandmother is a writer, I also started out young.
I’ve always had a way with words, according to my favorite educator. I was always so excited in English when we had to do a research writing assignment.
Now, I help current learners achieve the grades that have always come easily to me. It is my way of giving back to communities because I understand the troubles they must overcome to graduate.

Sabrina – Academic Writing Professional – [url=https://publicportal.chaminade.edu/alumnicelebration/Lists/2016AlumniCelebrationSurvey/DispForm.aspx?ID=966]Check this[/url] Corp
mm Antonio de Lieto Vollaro pubblicato il 28 giugno 2019 alle 19:45:
Vi riporto qui, per intero la relazione sull'indagine della guardia di finanza su alcuni alti prelati della curia.


Truffa da 30 mln sulla beneficenza. Arrestato mons Patrizio Benvenuti , Bolzano. Confiscati 9 mln a giudice della Sacra Rota: 300 anziani truffati. E c'è ancora chi crede che i preti facciano beneficenza
Attualità
Torna alla sezione
GalileoGalilei
Amministratore
Bolzano. Confiscati 9 mln a giudice della Sacra Rota: 300 anziani truffati. E c'è ancora chi crede che i preti facciano beneficenza



http://altoadige.gelocal.it/bolzano/cronac...?ref=hfaabzea-1

Bolzano ,una truffa immobiliare da 30 milioni del monsignore
Arrestato un alto prelato di origine argentina, denunciato un uomo d'affari. Le indagini sono partite dalla denuncia di una suora che abitava in Alto Adige

10 febbraio 2016


L'operazione Opus è condotta dalla Finanza
BOLZANO. Le Fiamme Gialle altoatesine hanno scoperto una maxi truffa milionaria a carattere transnazionale. E' stato arrestato un monsignore, ricercato un noto affarista e denunciate altre nove persone per una truffa di oltre 30 milioni di euro, riciclaggio ed evasione fiscale. Sono stati sequestrati beni per oltre dieci milioni. I fondi erano raccolti anche per fini di beneficenza. I truffati sono circa trecento.
L'indagine è stata innescata dalla denuncia alle Fiamme Gialle di una ex collaboratrice del prelato che, in buona fede, era stata nominata responsabile altoatesina di un “Trust” e riceveva inconsapevolmente posta commerciale e documenti.
I militari della Guardia di Finanza del Comando Provinciale di Bolzano hanno eseguito l’ordinanza cautelare degli arresti domiciliari nei confronti di un alto prelato di origini argentine, in pensione, Monsignor Patrizio Benvenuti, di anni 64, residente alle Isole Canarie, il quale ha, tra l’altro, operato presso vari livelli del Tribunale Ecclesiastico alla Santa Sede in Vaticano e quale Secondo Cappellano Militare presso la Scuola di Telecomunicazioni delle Forze Armate gestita dalla Marina Militare a Chiavari (GE).
Il monsignore è stato arrestato,...
Il monsignore è stato arrestato, l'uomo d'affari è irreperebile

Sono in corso le operazioni di ricerca internazionale dell’affarista in campo immobiliare e finanziario di origini francesi, Christian Ventisette, di anni 54, stretto collaboratore del Monsignore, colpito da ordinanza di custodia cautelare in carcere e mandato di cattura internazionale in quanto irreperibile. Inoltre, sono stati effettuati sequestri di svariati immobili, documentazione e conti correnti bancari nonché effettuate perquisizioni in varie località in Italia e rogatorie internazionali in numerosi Paesi Europei.
Le indagini dell’operazione denominata “OPUS”, condotte dalle Fiamme Gialle altoatesine, su direzione della Procura della Repubblica di Bolzano, hanno fatto constatare come l’uomo di Chiesa e l’affarista fossero stati promotori e organizzatori di un’associazione a delinquere, attiva sul territorio nazionale ed estero, finalizzata alla commissione di svariati e ripetuti reati di truffa, riciclaggio e tributari, coinvolgendo persone e società collocate in Francia, Belgio, Svizzera, Lussemburgo, Stati Uniti e Italia.
I personaggi finiti sotto la lente...
I personaggi finiti sotto la lente della Guardia di Finanza
Oltre ai due, della associazione facevano parte altre nove persone che a vario titolo collaboravano all’attività illecita, segnalate all’Autorità Giudiziaria, mentre i “truffati” sono quasi trecento, prevalentemente residenti all’estero, per lo più in età avanzata, i quali, con la speranza di affidare i propri risparmi a persone esperte nei settori immobiliare e finanziario nonché animati dalla volontà di contribuire e aiutare la Fondazione umanitaria “Kepha”, capitanata dal prelato, versavano i propri soldi al sacerdote, che millantando inesistenti accreditamenti e collegamenti in Vaticano, ne carpiva la buona fede raccogliendo e facendo poi svanire complessivamente circa 30 milioni di euro, attraverso un articolato meccanismo di riciclaggio tra persone, società estere e italiane.
Le indagini sono scaturite da una denuncia di una ex collaboratrice del prelato, già suora, che si vedeva recapitare presso la propria abitazione in Alto Adige documenti bancari e non, riferiti ad un trust e una società di capitali, entrambi denominati “Opus” che, evidenziavano movimentazioni di denaro per centinaia di migliaia di euro e delle quali non sapeva darsi una spiegazione ma che erano in ogni caso a lei riconducibili almeno cartolarmente.
La religiosa infatti, aveva poi raccontato ai militari della Guardia di Finanza che, spinta dalla fiducia che riponeva nell’ecclesiastico, quando viveva con lui a Roma, aveva firmato alcuni contratti costitutivi, divenendo, tra l’altro, rappresentante legale della OPUS nella sede in Alto Adige, rimanendo così coinvolta nel procedimento fallimentare della società Kepha Invest in Belgio.
Sotto sequestro anche un parco...
Sotto sequestro anche un parco archeologico
La Fondazione Kepha si è vista recapitare richieste di escussione delle garanzie prestate per milioni di milioni di euro quando il Monsignore si era palesato come incapiente rispetto alle richieste degli investitori privati che a partire dal 2014 non si vedevano più corrispondere gli interessi sul capitale (inizialmente regolari, come è tipico nell’ormai noto meccanismo c.d. “Schema Ponzi”) né tantomeno restituire quanto investito.
L’attività d’indagine ha comportato per i militari della Guardia di Finanza l’esecuzione di perquisizioni, sequestri, analisi di conti, intercettazioni telematiche nonché il coordinamento con i Paesi Esteri interessati per tramite di Eurojust all’Aja, il tutto allo scopo di ricostruire il complesso truffaldino posto in essere dalla Fondazione Kepha in Italia, della Kepha Invest in Belgio nonché la condotta di ripulitura del denaro successiva svolta per mezzo di tante altre società e che ha trovato attuazione anche in Italia.
Le somme complessivamente sottratte agli investitori oggetto della truffa, oggetto della condotta riciclatoria e del reato di evasione fiscale sono state quantificate in circa 30 milioni di euro (che è il dato che emerge dal bilancio della società debitrice in Belgio) e il sequestro preventivo in forma per equivalente è stato disposto dall’Autorità Giudiziaria.In esecuzione di ciò, i Finanzieri hanno messo i sigilli per sequestro a “Villa Vittoria”, una lussuosa e antica dimora risalente nelle mura al 1465, a Piombino (LI), di proprietà della Fondazione Kepha del valore di circa 8 milioni di euro, utilizzata personalmente da Mons. Benvenuti.
Oltre alla villa, sempre di proprietà della Fondazione, è stato sequestrato un grande sito archeologico in Sicilia nel Centro Archeologico Museale di Triscina di Selinunte (TP), del valore di circa 850.000 euro; di proprietà della Icre Srl, società avente sede in Lussemburgo ma riferibile all’indagato latitante Ventisette, è stato sequestrato un immobile in Poggio Catino (RI) del valore di 530.000,00 euro e altri immobili e terreni a Poppi (AR) per il valore di 670.000,00 euro.
Nel mandato di arresto europeo è stato richiesto espressamente il sequestro anche di una villa considerevole in Corsica. Si segnala infine che è stato sottoposto a sequestro anche il sito della Fondazione Kepha ONLUS all’indirizzo www.kepha.eu. L’indagine della Guardia di Finanza punta quindi ad accertare i veri responsabili della sparizione del denaro affidato, soltanto per un equivoco, a chi in quel momento sembrava rappresentare un’istituzione come il Vaticano ma che in realtà ha alimentato soltanto i conti personali delle persone che ad oggi sono nel mirino della Procura della Repubblica di Bolzano.

www.tp24.it/2016/02/15/cronaca/cast...er-truffa/98001
15/02/2016 06:30:00
Castelvetrano e lo scandalo Kepha. Si difende il Monsignore arrestato per truffa
Prima dell’arresto di Monsignor Patrizio Benvenuti, avevamo già parlato dello scandalo Kepha e della sparizione di 30 milioni di euro. Oggi, l’alto prelato 64enne di origini argentine è accusato di truffa ai danni di più di 200 persone, prevalentemente belgi. Persone che non hanno affatto versato somme di denaro in beneficienza, ma investito in obbligazioni ad altissimo rendimento.
Soldi spariti già prima dell’ottobre 2014, quando esplose lo scandalo Kepha Invest in Belgio.
Ma di Kepha ce ne sono due. La Invest, per produrre utili, e la Onlus, fondazione senza scopo di lucro. L’una, ossatura economica dell’altra, ma presiedute sempre dallo stesso Benvenuti.

Qualche giorno fa, in Italia, la Guardia di finanza ha sequestrato in via preventiva anche la villa che fu di Elisa Bonaparte a Piombino ed il CAM (Centro Archeologico Museale) di Castelvetrano, nella borgata di Triscina di Selinunte, patrimoni della fondazione.
L’affarista 54enne Christian Ventisette, stretto collaboratore del monsignore, è invece latitante da un po’ e ricercato da un mandato di cattura internazionale.
Secondo la procura di Bolzano, il monsignore e l’affarista sarebbero stati «promotori e organizzatori di un’associazione a delinquere, attiva sul territorio nazionale ed estero, finalizzata alla commissione di svariati e ripetuti reati di truffa, riciclaggio e tributari, coinvolgendo persone e società collocate in Francia, Belgio, Svizzera, Lussemburgo, Stati Uniti e Italia».

In Italia però la sparizione dei 30 milioni, avvenuta più di un anno fa, non è mai diventata una notizia, fino all’inchiesta di Tp24 e, due giorni dopo, all’arresto di Monsignor Benvenuti. La vendita della Villa di Piombino e le difficoltà del CAM sono state invece ampiamente trattate dai media locali. Nel febbraio 2015 i giornali diffondevano le dichiarazioni di Benvenuti su un progetto per evitare la vendita della villa, affinché restasse come memoria storica della città di Piombino. Mentre nello scorso agosto veniva lanciata una raccolta fondi on line, finalizzata alla ripresa degli scavi archeologici del CAM. Un target di un milione di euro che però si chiuse racimolando soltanto 22 euro.

Intanto l’avvocato Giovanni Miceli, direttore del CAM ed uno dei difensori di Patrizio Benvenuti, ci ha inviato una nota che pubblichiamo integralmente:

“L’ampia risonanza mediatica verificatasi all'esito del "comunicato stampa" diramato dalla GDF di Brunico e relativo all’esecuzione dell’ordinanza del GIP di Bolzano con cui Don Patrizio Benvenuti è stato ristretto agli arresti domiciliari ci induce ad alcune precisazioni, attesa l’avvenuta fissazione dell’udienza per il riesame del 19 febbraio p.v. innanzi il Tribunale della libertà di Bolzano.
1) Non corrisponde assolutamente al vero la circostanza secondo la quale don Patrizio sarebbe stato fermato nell’atto di recarsi all'estero. In realtà don Patrizio ha sporto querela dettagliata ed articolata sui fatti per cui si procede fin dai primi mesi del 2014, quindi prima ancora della querela che ha originato il provvedimento e l'indagine oggi oggetto dell'attenzione dei media. Sin da subito don Patrizio si è messo a disposizione degli inquirenti e proprio dagli inquirenti romani si stava recando accompagnato dall'avv. Quercetani quando veniva raggiunto da una telefonata della GDF di Brunico che lo invitava a rientrare a Genova per essere poi sottoposto alla misura cautelare;
2) don Patrizio non si è mai occupato di amministrare o movimentare denaro. Ha invece dato vita alla Fondazione Kepha conferendo in essa, nel tempo, la sua eredità familiare (circa euro 500.000) mettendo quindi a disposizione tutti i propri beni a servizio della fondazione e quindi dei destinatari delle opere di questa; purtroppo l'incontro con il finanziere Christian Ventisette, presentatosi inizialmente quale benefattore disinteressato, ha condotto don Patrizio ad affidarsi (omettendo i dovuti controlli) completamente a questi, che organizzava, promuoveva e disponeva in totale autonomia e con la collaborazione di un nobiluomo belga di una raccolta di denaro “spacciata” dal Ventisette e dai suoi sodali come legittima forma di raccolta del risparmio garantita da pareri allegati al programma finanziario sottoscritti da primarie società di revisori di conti;
3) è stato dato ampio risalto al fatto che il sacerdote vivesse nel lusso, proprietario di ville quattrocentesche e centri museali. È' sufficiente una semplice visura nella conservatoria dei Registri Immobiliari per constatare come don Patrizio non possegga alcun bene immobile. La fondazione invece è proprietaria di Villa Vittoria a Piombino e del Campo Archeologico Museale a Triscina di Selinunte. Entrambi gli immobili sono stati acquistati dalla Fondazione per gli scopi della stessa con accensione di mutui ipotecari e con risorse donate a don Patrizio dai familiari di questi (oltre un milione di euro versati a mezzo bonifici e dunque tracciabili); a questo scopo furono gravate da ipoteca anche proprietà dei suoi stretti familiari.
4) la vicenda che ci occupa ha interessato, per iniziativa dello stesso don Benvenuti, il Procuratore del Re in Belgio già da due anni. In tutto questo tempo don Patrizio ha collaborato con la giustizia belga che ha spiccato un mandato di cattura internazionale contro Christian Ventisette mentre alcun provvedimento restrittivo della libertà personale è stato richiesto da quella Procura a carico del sacerdote italiano. Di ciò alcuna notizia è stata data da parte dei media italiani nonostante l'inchiesta belga abbia avuto pubblicità sui media di quei paesi già da molti mesi.
5) La figura di don Patrizio e il suo encomiabile operato sono messi in giusta luce dal suo “Stato di Servizio Militare” che abbraccia trent’anni di attività pastorale presso le Forze Armate d’Italia. Stato di Servizio elaborato dall’Autorità Militare e da quella Ecclesiastica.
Attendiamo perciò fiduciosi gli esiti della giustizia, certi che nelle opportune sedi sarà chiarita incontrovertibilmente la posizione di don Patrizio Benvenuti.

www.gazzettadiparma.it/news/italia-...-accusa-il.html

Monsignore arrestato: finanziere accusa il sacerdote
Dopo arresto a Madrid Christian Ventisette resta in carcere


Ricevi gratis le news
AAA0
commenta
01 Marzo 2016 - 15:30
(ANSA) - BOLZANO, 1 MAR - Si difendono accusandosi a vicenda, il monsignor Patrizio Benvenuti e il faccendiere Christian Ventisette, coinvolti nell'inchiesta di una presunta truffa da 30 milioni di euro. Dopo l'arresto nei giorni scorsi a Madrid, Benvenuti è stato sentito oggi a Bolzano dal giudice Carlo Busato che ha convalidato l'arresto. Durante l'interrogatorio in tribunale, il faccendiere italo-francese avrebbe accusato il sacerdote di essere lui la mente dell'intera operazione, mentre il monsignore nelle scorse settimane aveva incolpato Benvenuti di essere stato "raggirato e tradito" da lui. Benvenuti ha rinunciato a presentare ricorso al tribunale del riesame e resta perciò in carcere.

www.dhnet.be/actu/faits/un-avocat-i...d70e80512d8bc18

Un avocat italien, premier condamné pour l’escroquerie Kepha
GILBERT DUPONT Publié le samedi 15 avril 2017 à 08h05 - Mis à jour le samedi 15 avril 2017 à 08h07


210
Avant le Belge, une Américaine avait été assassinée sur le chemin de Compostelle
FAITS DIVERSNous avons la liste de ceux vers qui les 250 victimes belges doivent se tourner: un Belge, des Italiens et trois Français corses.
Première décision judiciaire en Italie dans l’affaire Kepha, cette escroquerie présumée qui aurait fait 250 victimes principalement belges entre 2007 et 2014 pour un préjudice de 31,8 millions d’euros. La décision concerne un avocat de 40 ans suspecté d’avoir transféré vers les États-Unis (plus précisément, la Floride) des fonds en lien avec l’escroquerie partie de Belgique.

Moyennant trois conditions, le parquet italien a accepté de mettre fin aux poursuites visant maître Matteo C. : des aveux, 1 an de prison (dont 8 mois avec sursis) et 50.000 euros d’amende à verser au Trésor italien. L’avocat est le premier suspect condamné dans l’affaire Kepha.

Contactée hier après-midi, une victime belge, qui pleure toujours après son argent, nous confie qu’elle n’a pas été informée de cette décision intervenue à Bolzano.

Le parquet local l’a prise dans le cadre d’une procédure (de type transaction) propre au droit italien, qui permet à ceux qui collaborent à l’enquête et fournissent des renseignements jugés importants, d’obtenir plus rapidement l’extinction de l’action publique et d’ainsi échapper à l’épreuve du procès pénal.

Pour avoir aidé la justice et fourni des éléments accablant les deux suspects principaux, Matteo C. remplissait les conditions. L’avocat était classé suspect numéro 5 de l’escroquerie, là où le baron belge Christophe de Fierlant figure en troisième position.

Me Matteo C. a quitté Rome. Il développe maintenant ses nouvelles activités dans l’immobilier résidentiel à Miami.

Il dirigeait la MC Global Real Estate LLC ayant son siège au 605 Lincoln Road à Miami.

2.750.000 euros auraient transité via sa société. L’argent provenait de l’escroquerie montée chez nous autour de la société d’investissements immobiliers Kepha Invest dont le siège était avenue Général De Gaulle à Ixelles.

L’avocat condamné est aussi le neveu d’un des principaux suspects de l’affaire Kepha, l’Italo-Français de 54 ans Christian Ventisette suspecté d’avoir tout organisé.

Enfin, on connaît aussi ceux vers qui les victimes belges doivent se tourner. Outre le Belge de Fierlant déjà cité, le parquet italien vise monseigneur Patrizio Benvenuti, les Italiens Pandolfo Pandolfi et Fabio Pompei et les Français corses de Bastia et Ajaccio Etienne Benetrix, Vincent Watrelot et Pierre-Paul Filippi.

www.corriere.it/cronache/16_febbrai...34893b4a5.shtml
BOLZANO
Truffa su 30 milioni di beneficenza
In manette monsignore argentino
Accusato di una truffa ai danni di quasi 300 persone. Soldi alla fondazione del sacerdote finiti in giro di riciclaggio. La replica: «Contro di me solo menzogne»
di Alessandro Fulloni

Spariti nel nulla (o meglio: finiti in un giro di riciclaggio tutto da chiarire) 30 milioni di euro raccolti a metà tra beneficenza e investimenti finanziari. La Guardia di finanza di Bolzano ha arrestato un monsignore, Patrizio Benvenuti, 64 anni, origini argentine e doppio passaporto, accusato di una truffa ai danni di quasi 400 persone, prevalentemente residenti in Belgio (ma anche italiani e francesi) per lo più in età avanzata. Versavano i propri soldi al sacerdote, destinati alla sua fondazione umanitaria Kepha, che finivano però in un articolato meccanismo di riciclaggio tra persone, società estere e italiane. Sparsi in conti correnti tra Germania, Lussemburgo, Stati Uniti, Panama. Le Fiamme Gialle hanno sequestrato in via preventiva, tra l’altro, una lussuosa villa del Quattrocento a Piombino e un grande sito archeologico a Selinunte. Con mandato di cattura internazionale è ricercato l’affarista francese, Christian Ventisette, di 54 anni, stretto collaboratore del monsignore.

Pubbliche relazioni
Sia lui che Benvenuti si adoperavano per trovare - con un lavoro certosino di pubbliche relazioni - persone che finanziassero la fondazione. Soldi sia in beneficenza, ma anche, se non soprattutto, investiti con la speranza di rivederli restituiti con un interesse - era la promessa - attorno al 7 %. Danaro che avrebbe fruttato - erano le millanterie del prete e del suo collaboratore -grazie a operazioni nel settore immobiliare. Buona fede carpita raccontando anche di inesistenti accreditamenti in Vaticano. Ma quando qualcuno ha chiesto di poter rientrare dell'investimento, si è sentito rispondere che era impossibile. Insomma: una specie di «schema Ponzi» per nulla diverso da quello delle maggiori truffe finanziarie. Sono così scattate le prime denunce. Tanto in Belgio, dove risiede la maggior parte dei truffati, quanto in Italia. Le indagini condotte dagli investigatori coordinati dal colonnello Giulio Piller si sono avvalse di 7 rogatorie e della collaborazione degli «007» dell'Europol.

L'inchiesta partita dalla segnalazione di una suora
L'inchiesta è partita dalla segnalazione di una suora, ex collaboratrice del prelato. La religiosa aveva, infatti, ricevuto presso la propria abitazione in Alto Adige documenti bancari e non, riferiti ad un trust e una società di capitali, entrambi denominati Opus che, evidenziavano movimentazioni di denaro per centinaia di migliaia di euro e delle quali non sapeva darsi una spiegazione, ma che erano in ogni caso a riconducibili a lei. La suora aveva poi raccontato agli investigatori della Guardia di Finanza che, spinta dalla fiducia che riponeva nel monsignore - sino allo scorso anno cappellano militare in una base della Marina a Chiavari, e sempre in mezzo a numerose iniziative tra cui alcune a palazzo Barberini a Roma - quando lavorava con lui nella Capitale, aveva firmato alcuni contratti costitutivi, divenendo, tra l'altro, rappresentante legale della Opus nella sede in Alto Adige, rimanendo così coinvolta nel procedimento fallimentare della società Kepha Invest in Belgio.
Il tesoro sequestrato del monsignore
Al monsignore è stato sequestro un tesoro sconfinato. Un elenco che comprende ville, opere d'arte, addirittura un museo. Si comincia da Villa Vittoria, una lussuosa e antica dimora risalente nelle mura al 1465, a Piombino, di proprietà della Fondazione Kepha del valore di circa 8 milioni di euro, dove - per gli inquirenti - si era personalmente stabilito monsignor Benvenuti. «Sigilli» anche in un grande sito archeologico in Sicilia, nel Centro Archeologico Museale di Triscina di Selinunte (valore di circa 850.000 euro) di proprietà della Icre srl, società avente sede in Lussemburgo ma riferibile all'indagato latitante Ventisette. Sequestrato anche un immobile in Poggio Catino (nel Reatino) del valore di 530.000 euro e altri immobili e terreni a Poppi (Arezzo) per il valore di 670.000 euro. Nel mandato di arresto europeo è stato richiesto il sequestro anche di una villa considerevole in Corsica. È stato sottoposto a sequestro anche il sito web della Fondazione Kepha Onlus.
La difesa
«Questa ordinanza del giudice Schonsberg, è una colluvie di menzogne che, guarda caso, ricadono puntualmente su di me e su Pandolfo - risponde il monsignore arrestato in una nota diffusa dal «Comitato di sostegno internazionale a don Patrizio Benvenuti» - molte verità, ma talmente mischiate a bugie e falsità da perdere la globale visione della realtà dei fatti». «Come difendersi? Eppure mi hanno sempre insegnato e garantito che la verità prima o poi emerge in tutto il suo splendore. Voglio davvero sperarci», conclude la lunga nota.
@alefulloni
10 febbraio 2016 (modifica il 12 febbraio 2016 | 13:00)


www.lanazione.it/la-spezia/cronaca/...52?wt_mc=fbuser
Scoperta mega truffa gestita da un monsignore: confiscati beni per 9 milioni di euro
La procura di Bolano smaschera l’intrigo gestito da un giudice della Sacra Rota
di CORRADO RICCIPubblicato il 2 settembre 2017
Ultimo aggiornamento: 2 settembre 2017 ore 23:16
Guardia di finanza
Guardia di finanza
3 min
La Spezia, 3 settembre 2017 - DUE GROSSI complessi immobiliari appartenenti alla società spezzina Estate Mare srl a Montepertico, per un valore stimato in 9 milioni di euro, sono stati confiscati all’esito dell’azione penale promossa dalla procura di Bolzano, attraverso il pm Igor Secco che - con le indagini delegate alla Guardia di Finanza - ha smascherato una mega truffa ai danni di 300 risparmiatori, con parallela evasione fiscale monstre. Le vittime sono per lo più cittadini di origine belga; questi, dopo aver affidato i risparmi alla società lussemburghese Kepha Invest, si sono ritrovati a imprecare contro il tessitore primario dell’intrigo: un religioso di origini argentine che, quanto meno nelle loro convinzioni, avrebbe dovuto, con i soldi ricevuti, fare investimenti per traguardare utili da destinare ad opere di bene mentre, invece lì ha dilapidati o quanto gestiti badando a speculare, in danno loro e del fisco.

La beffa patrimonial/erariale è infatti contestata, fra gli altri, a monsignore Patrizio Benvenuti, già giudice della Sacra Rota, e al suo braccio operativo per lavori sporchi, il faccendiere di origini francesi, Cristhian Ventisette che (nell’ambito delle relazioni coltivate nel golfo, anche quando era colpito da mandato di cattura internazionale) aveva condotto le danze per rilevare - attraverso un labirinto societario riconducibile alla Kepha Invest - le quote di maggioranza della società spezzina Estare Mare srl.

MENTRE sull’alto prelato - prima dell’arresto, avvenuto nel febbraio 2016, in stretta relazione col cardinale Tarcisio Bertone - pende la richiesta di rinvio a giudizio per associazione per delinquere finalizzata alla truffa e all’evasione fiscale, l’altro ha chiesto di patteggiare la pena a 2 anni di reclusione; ciò in connessione al patteggiamento già chiesto e ottenuto, nell’ambito dell’applicazione delle norme sulla responsabilità amministrativa, dalla società spezzina (con sede legale in via Fontevivo) di cui il faccendiere, dal 2014, era il presidente-manovratore (in beffa dei soci di minoranza considerati dalla procura di Bolzano parti lese); la sanzione concordata con la procura di Bolzano ammonta a 56mila euro.

La resa ha intanto spianato la strada alla confisca dei beni, sulla via del recupero al patrimonio dello Stato delle risorse non incamerate per effetto delle evasioni fiscali. La confisca è scattata su un complesso residenziale di una decina di appartamenti al grezzo, valutato in 3 milioni di euro e su un’area edificabile già dotata di progetto per la realizzazione di case e box con valore stimato finale di 6 milioni. Uno scenario futuribile dunque e non attuale, con la rivalsa dello Stato ora proiettata a passare dalle complciazioni del giudizio di esecuzione, con la società posta in liquidazione

www.ansa.it/trentino/notizie/2017/0...acf1781616.html

Chiesto rinvio giudizio mons. Benvenuti
Arrestato nel 2016 per una serie di presunte truffe

BOLZANO
01 settembre 2017
16:57

BOLZANO, 1 SET - La procura di Bolzano ha chiesto il rinvio a giudizio per monsignor Patrizio Benvenuti, accusato di associazione a delinquere finalizzata alla truffa e violazione fiscale.
L'alto prelato, 65 anni, di origini argentine, era stato arrestato nel febbraio 2016 per una serie di presunte truffe in campo finanziario. Sarebbero circa 300 le vittime, tra cui numerosi altoatesini, per un valore complessivo di 30 milioni di euro. Il pm Igor Secco, titolare dell'inchiesta, ha chiesto il rinvio a giudizio anche per Etienne Benetrix, Fabio Pompei e Pandolfo Pandolfi, tutti accusati di associazione a delinquere finalizzata alla truffa. A far partire l'inchiesta, nel 2014, fu un'ex suora dell'ordine della Santa Croce di Merano, ex collaboratrice del prelato.

www.dhnet.be/actu/faits/l-escroquer...d70fc627d77ba45
L’escroquerie Kepha jugée le 8 novembre en Italie
GILBERT DUPONT Publié le mardi 12 septembre 2017 à 13h55 - Mis à jour le mardi 12 septembre 2017 à 13h57


23
L’escroc Gilbert Chikli arrêté
ABONNÉS Le coup de gueule du chef de la police de Liège après Standard-Charleroi: "J’en ai marre !"
FAITS DIVERSSix suspects dont un Belge comparaîtront à Bolzano pour cette escroquerie en Belgique qui a fait 250 victimes pour 35 millions d’euros entre 2007 et 2014
L’information est attendue par plus de 250 victimes belges du scandale Kepha. Le procès de l’escroquerie montée entre 2007 et 2014 autour de la société d’investissement immobilier résidentiel d’Ixelles Kepha Invest s.a. s’ouvrira en Italie, avec six inculpés cités à comparaître le 8 novembre prochain devant le tribunal pénal de Bolzano. L’information a pu nous être confirmée par l’avocat Claude Bontinck du seul suspect belge, le baron Christophe de Fierlant. Outre le baron de Fierlant, la justice italienne jugera l’homme d’église d’origine argentine Patrizio Benvenuti, l’Italien Pandolfo Pandolfi, le Français Christian Ventisette, l’avocat établi à Miami Matteo C. et le Français de 49 ans Etienne Benetrix. En aveux sur la matérialité des faits, de Fierlant nie l’intention délictueuse. Attendu depuis que le scandale a éclaté en octobre 2014, le procès est pour les victimes principalement belges l’étape obligée sur le chemin d’une éventuelle indemnisation. Éventuelle en effet : leurs avocats les ont déjà informées que l’espoir de récupérer de l’argent est mince et fragile, les procédures en Italie s’annonçant selon eux "ardues, coûteuses et sans garantie de réussite". Avec un procès en Italie, la crainte est que le fisc italien se serve en priorité, mette le grappin sur ce qui a pu être saisi et ne représenterait que le tiers du préjudice de l’escroquerie estimé à environ 35 millions d’euros.

Les 250 plaignants belges seront invités à remplir des procurations qui seront déposées le 8 novembre au tribunal de Bolzano. Prise de court par l’italienne, la justice belge n’a pas forcément dit son dernier mot. Depuis le 30 octobre 2014, l’affaire Kepha est parallèlement à l’instruction à Bruxelles chez le juge financier Michel Claise. Les 250 victimes belges s’adressaient à des intermédiaires à Bruxelles et en Wallonie que la justice italienne ne poursuit pas. Selon l’évolution du procès à Bolzano, le juge Claise pourrait ensuite s’intéresser à tous ces courtiers sans lesquels l’escroquerie était impossible.

Quant au seul Belge poursuivi en Italie, Me Bontinck rappelle que le baron de Fierlant, s’il a prêté une aide matérielle qu’il ne nie pas, n’a eu conscience à aucun moment de participer à une escroquerie tant celle-ci était bien conçue et paraissait avoir l’appui, pour ne pas dire la bénédiction, du Vatican.

Des six, le baron de Fierlant est le seul qui, toujours selon son avocat, s’est évertué à contribuer à indemniser les victimes, dans la mesure de ses moyens du moins. "C’est simple, soupire Me Claude Bontinck, mon client n’a plus rien. Il a dû vendre des propriétés. Cet homme a 47 ans et n’a plus rien […] Mais il tient à ce que chacun sache qu’il n’est pas un escroc. Il a d’ailleurs été le premier à dénoncer et porter plainte. Le baron de Fierlant ne savait pas."

Gilbert Dupont

www.ansa.it/trentino/notizie/2018/0...26604dce20.html

Caso mons. Benvenuti passa a Roma

Alto prelato fu arrestato nel 2016 con accusa di maxi truffa

BOLZANO
09 marzo 2018
17:48

(ANSA) - BOLZANO, 9 MAR - Si sposterà quasi interamente a Roma il procedimento a carico di monsignor Patrizio Benvenuti, accusato insieme ad altre tre persone di una maxi-truffa a danno di numerosi risparmiatori. Lo ha deciso il gup di Bolzano Walter Pelino in riferimento alla questione di competenza territoriale sollevata dalla difesa.
Il filone dell'associazione a delinquere finalizzata alla truffa, che riguarda l'alto prelato 66enne e gli altri tre imputati, sarà dunque trasmesso a Roma. Per quanto riguarda invece l'imputazione di autoriciclaggio, a carico del monsignore, se ne dovrà occupare la procura di Genova. A Bolzano, invece, rimarrà in piedi solo l'imputazione per false dichiarazioni. L'alto prelato, di origini argentine, era stato arrestato nel febbraio 2016 per una serie di presunte truffe in campo finanziario. Sarebbero circa 300 le vittime, tra cui numerosi altoatesini, per un valore complessivo di 30 milioni di euro. A far partire l'inchiesta, nel 2014, fu un'ex suora ed ex collaboratrice del prelato.

http://iltirreno.gelocal.it/piombino/crona...ioni-1.17241169
ESECUZIONE IMMOBILIARE A FINE MESE
Jindal interessato ad acquistare Villa Vittoria. L’ex dimora di Lucchini all’asta per 4 milioni
Fu comprata nel 2009 dalla fondazione Kepha, presieduta da don Benvenuti, arrestato nel 2016 con l’accusa di truffa
di Cristiano Lozito

12 settembre 2018

PIOMBINO. Villa Vittoria, la splendida residenza in Cittadella messa sotto sequestro nel febbraio 2016 nel giorno dell’arresto di monsignor Patrizio Maria Romano Benvenuti, accusato di una truffa da 30 milioni, a fine mese andrà all’asta: in realtà la notizia dell’esecuzione immobiliare attraverso gli annunci del Tribunale di Livorno ha fatto sì che eventuali acquirenti abbiano già potuto rivolgersi al delegato alla vendita, il commercialista Enrico Pecchia dello studio Audit.

Nei giorni scorsi, durante la sua visita in città accompagnato dal sindaco Massimo Giuliani, anche Sajjan Jindal avrebbe chiesto informazioni e poi visitato l’antica dimora, in vendita per poco più di 4 milioni, con un’offerta minima di 3 milioni, cioè il 75% del prezzo base.

Notizia circolata negli ambienti vicini alla fabbrica, e in quest’ottica rappresentata come un segno della solidità dei progetti di Jindal, intenzionato ad acquistare una casa in città. Ed effettivamente è difficile trovare in città una residenza di questo livello: a ridosso della chiesina realizzata da Andrea Guardi per conto degli Appiani, si affaccia sul mare. 856 metri quadri su tre piani, 24 camere, un ampio salone al piano terra, dalla terrazza e dal giardino il panorama sul golfo di Salivoli e sull’Elba.

La dimora è carica di storia: nel 1502 vi aveva abitato Leonardo da Vinci, chiamato a progettare e costruire le mura di cinta della villa. Agli inizi dell’Ottocento la fece restaurare e vi si stabilì Elisa Bonaparte Baciocchi, sorella di Napoleone. Nel secolo scorso e fino al 2009 Villa Vittoria invece ha ospitato prima i direttori della Magona, poi i vertici delle acciaierie. Quando Luigi Lucchini, nel 1993, acquistò l’ex Ilva, rilevò anche la villa e ne divenne l’ultimo proprietario.

Nel 2009 la villa fu acquistata dalla fondazione Kepha presieduta da monsignor Benvenuti, 66 anni, nato a Buenos Aires ma con madre campigliese e padre sanvincenzino. Il monsignore all’epoca spiegò di voler realizzare a Villa Vittoria un centro di formazione di eccellenza, di master post universitari e un ciclo di corsi di canto che in effetti videro protagonista Katia Ricciarelli. Poi qualche matrimonio, feste private, iniziative culturali.

Nel 2015 però don Benvenuti mise la casa in vendita, spiegando che la sua gestione era troppo costosa. Un anno dopo, l’arresto per una presunta truffa ai danni di anziani, per lo più francesi e belgi: insieme ad altri indagati don Benvenuti era accusato (il procedimento è ancora in corso) di aver raccolto 30 milioni

di euro sfruttando la credibilità del clero, investendo il denaro in società satellite per ottenere ville di lusso e mega stipendi. La villa di Cittadella era stata acquistata con un mutuo, la Kepha smise di pagarne le rate fino all’esecuzione immobiliare.


http://iltirreno.gelocal.it/piombino/crona...ioni-1.17244784
Jindal interessato a Villa Vittoria: l’ex dimora di Lucchini all’asta per 4 milioni
Fu comprata nel 2009 dalla fondazione Kepha, presieduta da don Benvenuti, arrestato nel 2016 con l’accusa di truffa
di Cristiano Lozito

13 settembre 2018
.
Sajjan Jindal, neoproprietario della ex Lucchini (foto Paolo Barlettani)
PIOMBINO. Villa Vittoria, la splendida residenza in Cittadella messa sotto sequestro nel febbraio 2016 nel giorno dell’arresto di monsignor Patrizio Maria Romano Benvenuti, accusato di una truffa da 30 milioni, a fine mese andrà all’asta: in realtà la notizia dell’esecuzione immobiliare attraverso gli annunci del Tribunale di Livorno ha fatto sì che eventuali acquirenti abbiano già potuto rivolgersi al delegato alla vendita, il commercialista Enrico Pecchia dello studio Audit.

Nei giorni scorsi, durante la sua visita in città accompagnato dal sindaco Massimo Giuliani, anche Sajjan Jindal avrebbe chiesto informazioni e poi visitato l’antica dimora, in vendita per poco più di 4 milioni, con un’offerta minima di 3 milioni, cioè il 75% del prezzo base.

Notizia circolata negli ambienti vicini alla fabbrica, e in quest’ottica rappresentata come un segno della solidità dei progetti di Jindal, intenzionato ad acquistare una casa in città. Ed effettivamente è difficile trovare in città una residenza di questo livello: a ridosso della chiesina realizzata da Andrea Guardi per conto degli Appiani, si affaccia sul mare. 856 metri quadri su tre piani, 24 camere, un ampio salone al piano terra, dalla terrazza e dal giardino il panorama sul golfo di Salivoli e sull’Elba.

La dimora è carica di storia: nel 1502 vi aveva abitato Leonardo da Vinci, chiamato a progettare e costruire le mura di cinta della villa. Agli inizi dell’Ottocento la fece restaurare e vi si stabilì Elisa Bonaparte Baciocchi, sorella di Napoleone. Nel secolo scorso e fino al 2009 Villa Vittoria invece ha ospitato prima i direttori della Magona, poi i vertici delle acciaierie. Quando Luigi Lucchini, nel 1993, acquistò l’ex Ilva, rilevò anche la villa e ne divenne l’ultimo proprietario.

Nel 2009 la villa fu acquistata dalla fondazione Kepha presieduta da monsignor Benvenuti, 66 anni, nato a Buenos Aires ma con madre campigliese e padre sanvincenzino. Il monsignore all’epoca spiegò di voler realizzare a Villa Vittoria un centro di formazione di eccellenza, di master post universitari e un ciclo di corsi di canto che in effetti videro protagonista Katia Ricciarelli. Poi qualche matrimonio, feste private, iniziative culturali.

Nel 2015 però don Benvenuti mise la casa in vendita, spiegando che la sua gestione era troppo costosa. Un anno dopo, l’arresto per una presunta truffa ai danni di anziani, per lo più francesi e belgi: insieme ad altri indagati don Benvenuti era accusato (il procedimento è ancora in corso) di aver

raccolto 30 milioni di euro sfruttando la credibilità del clero, investendo il denaro in società satellite per ottenere ville di lusso e mega stipendi. La villa di Cittadella era stata acquistata con un mutuo, la Kepha smise di pagarne le rate fino all’esecuzione immobiliare. —
lianaly lianaly da lianaly pubblicato il 25 giugno 2019 alle 12:38:
Good day and welcome to my website . I’m Liana Lynn.
I have always dreamed of being a novelist but never dreamed I’d make a career of it. In college, though, I aided a fellow student who needed help. She could not stop telling me how well I had done. Word got around and someone asked me for writing help just a week later. This time they would compensate me for my work.
During the summer, I started doing research paper writing for students at the local college. It helped me have fun that summer and even funded some of my college tuition. Today, I still offer my writing skills to students.

Professional Writer – Liana Lynn – [url=https://jmars.mars.asu.edu/forum/member.php?1856-eilirubi-outlook-com]Check this[/url] Company
mm Antonio de Lieto Vollaro pubblicato il 21 giugno 2019 alle 7:02:
Non è una candidatura politica, e non ci sarà propaganda elettorale più di quanto abbia già fatto!!
È cmq una risposta a chi l'ha criticato e critica ancora, a dimostrazione che chi parla a vanvera di politica non ne capisce nulla.
Specifico e chiarisco che non sono pro Salvini né simpatizzante, semplicemente ho compreso il suo operandi di contrastare il business mafioso di tanti criminali che speculano sulla pelle di chi fugge da e per disperazione, pagandoli per morire affogati a mare.

Matteo Salvini "premio Nobel per la pace": la clamorosa candidatura arriva dalla Germania
La vice capogruppo di Alternative fur Deutschland (Afd) al Bundestag, Beatrix von Storch, ha candidato Matteo Salvini al premio Nobel per la Pace. “Come ministro dell’Interno italiano ha dato un grande contributo alla sicurezza e alla stabilità dell’Europa”, sostiene la politica tedesca in una nota. “Con la chiusura delle frontiere italiane - aggiunge - ha fermato con successo l’immigrazione clandestina verso l’Europa e l’industria dei migranti, dimostrando quali politiche oneste e determinate si possono fare”.

Von Storch è convinta che “nessuno affoga nel Mediterraneo se si impedisce all’industria dei rifugiati e alle loro navi di continuare i loro affari dando la speranza di un approdo in Europa”. Per queste ragioni, spiega, “propongo Matteo Salvini per il premio Nobel per la pace per aver dato vita ad una politica di stabilità per l’Europa e per aver salvato migliaia di vite umane. Un esempio che anche altri dovrebbero seguire”, suggerisce l'esponente di Afd.
lianaly lianaly da lianaly pubblicato il 18 giugno 2019 alle 15:00:
Hello, I’m Liana.
Welcome to my homepage . I started writing in middle school after a creative writing assignment for my English teacher. I did creative writing for a while before I thought about doing something else.
I had always loved doing non-fiction writing because I’m passionate about learning. When you combine writing talent with a love of learning, academic writing only makes sense as a job.
I’m passionate about assisting the students of the future in their school career. When they don’t have time for their paper , I am there to help.

Liana Lynn – Academic Writing Help - [url=http://literaturematters.com/]Literaturematters[/url] Corps
mm Antonio de Lieto Vollaro pubblicato il 15 giugno 2019 alle 18:10:
Meloni: «Nessuno apre bocca sulla mafia nigeriana. Perché Saviano tace?» (video)

«I numeri non mentono: l’immigrazione clandestina e irregolare causa l’aumento della criminalità. Siamo stati i primi a denunciare il tema della mafia nigeriana, di cui in Italia non parla nessuno». Una Giorgia Meloni a tutto campo parla da Cagliari dove si è recata per il comizio di chiusura della campagna elettorale del candidato sindaco del centrodestra Paolo Truzzu. Da lì rilancia i grandi temi., mafie, famiglia, Europa, fallimento dell politica economica del governo. Uno, la piaga della mafia nigeriana: «Avete mai sentito il campione dell’antimafia Roberto Saviano dire una parola sulla mafia nigeriana? Nel corto circuito culturale della sinistra se sei immigrato puoi essere anche mafioso. Perché non si può dire che anche l’immigrazione può essere responsabile di atti di criminalità. Noi vogliamo combattere tutte le mafie: la mafia italiana e le nuove mafie che si stanno insediando nelle nostre città». Un tema che ne chiama un altro, l’immigrazione e chi specula su di essa.

Le ong e l’immigrazione
«Non è un caso che dietro le ong – argomenta la Meloni,- vi sia la grande finanza internazionale. Non è per solidarietà che si vogliono far entrare in Europa queste migliaia di povere persone, ma c’è un altro disegno dietro. Che è quello di immette nella nostra società migliaia di disperati per creare una competizione al ribasso nel mondo del lavoro e abbassare i diritti dei lavoratori». «E’ un disegno questo che interessa il grande capitale. Perché – ha detto la Meloni – se c’è gente disposta a lavorare a basso costo, anche noi italiano dobbiamo adeguarci a lavorare a basso costo, oppure non lavori». Altro tema che sta a cuore lalla leader di FdI è la famiglia, sulla quale FdI ha idee chiare e proposte. «Chi mette al mondo un bambino fa un servizio alla società, è un eroe e va sostenuto. Con i dati sulla demografia del Paese siamo destinati a scomparire se non investiamo sulla natalità. Non è vero che non si vogliono fare figli in Italia». E specifica: «Non si fanno figli in Italia perché sono “un bene di lusso”, non è vero che gli italiano non credono nella famiglia. Non si fanno più figli – ha detto la Meloni – perché molti italiani non se lo possono permettere. Abbiamo fatto decine di proposte, come il reddito d’infanzia, e diciamo che i figli sono un bene della società. Chi mette al mondo un bambino fa un servizio alla società, è un eroe e va sostenuto».


«Il reddito di cittadinanza va cancellato»
Poi arrivano le bordate al governo gialloverde. «Penso che il governo abbia perso credibilità facendo debito per provvedimenti assistenzialistici come il reddito di cittadinanza. Per reimpostare al meglio la trattativa con l’Ue quelle misure vanno cancellate e il maggior debito deve essere destinato a investimenti virtuosi come infrastrutture materiali e digitali, rischio sismico e idrogeologico, eccetera. Detto questo – precisa – la Commissione Juncker è ormai scaduta e ancora si permette di rimbrottare l’Italia dopo che da anni tace sugli sforamenti degli altri, dalla Germania alla Francia passando per l’Olanda», rilancia Giorgia Meloni intervistata da Affari Italiani. «L’Europa – prosegue – deve fare meno cose e farle meglio. Dobbiamo lasciare in capo a Bruxelles alcune grandi materie come la politica estera e di difesa, la protezione dei confini esterni, il contrasto al terrorismo e riportare agli Stati sovrani tutte le competenze più vicine ai cittadini. Il gruppo dei Conservatori, all’interno del quale Fratelli d’Italia rappresenta la seconda delegazione per grandezza e che non a caso ha scelto proprio Napoli e dunque l’Italia quale sede del primo meeting ufficiale dopo le elezioni europee, si batterà per questo. Rispetto alla grande ammucchiata dai Popolari ai Verdi che si va prefigurando l’Ecr sarà decisivo per difendere gli interessi di chi fa impresa e crea lavoro, che troppo spesso ha pagato il peso di una insopportabile burocrazia europea».

«In politica estera, figuracce mondiali»
Poi la politica estera, anch’essa frutto di continue brutte figure per il governo. «Troppi padroni e nessuna linea. Sul Venezuela abbiamo fatto una figuraccia mondiale, stando a favore del dittatore comunista Maduro e negando solidarietà a decine di migliaia di venezuelani di origine italiana perseguitati dal regime. In Libia abbiamo sbagliato interlocutore consegnando alla Francia un ruolo decisivo nella gestione della crisi e mettendo a repentaglio i pozzi gestiti da Eni. In Medio Oriente confusione totale. D’altra parte se, come i 5 Stelle, non si ha un’identità ben definita non si possono che fare danni». Più vicina a Putin o Trump?, le chiedono. «Non faccio la tifosa di altri leader stranieri – spiega la leader di Fdi -. Ho sostenuto Putin nella sua azione militare in Siria che è stata decisiva per distruggere l’Isis ma non ho esitato a schierarmi dalla parte del popolo venezuelano mentre i russi sostengono Maduro. Allo stesso modo mi piace Trump con la sua idea di patriottismo anche economico e per la sua politica di shock fiscale che vorremmo importare anche da noi». E a proposito del memorandum d’intesa sulla Via della Seta sottoscritto da Italia e Cina, Meloni osserva: «Il governo italiano è stato troppo ingenuo e subalterno ai cinesi: chi controlla le reti oggi controlla tutto e non possiamo correre il rischio di lasciarle in mano a uno Stato in cui capitalismo aggressivo e comunismo si sono fusi in un mix micidiale. Siamo l’Italia, dobbiamo ambire ad essere rispettati da tutti e sudditi di nessuno».
mm Antonio de Lieto Vollaro pubblicato il 15 giugno 2019 alle 15:08:
Adesso ci si aspetta una profonda, concreta e concreta risposta da Sua Santità papa Francesco, che ha visto coinvolta, non solo la chiesa, bensì la sua Argentina. In 50 anni non ne è venuto mai a conoscenza di una minima parte? E adesso??
Abusi sessuali su bambini sordomuti, gli orrori dell'Istituto religioso italiano in Argentina
L'Istituto Antonio Provolo, che ha delle sedi in Argentina, è al centro di un gravissimo scandalo di pedofilia rivelato da L'Espresso.

Nell'Espresso in edicola questa domenica viene denunciato quello che viene definito "il più grave scandalo di pedofilia della Chiesa Cattolica italiana e argentina": un prete italiano, infatti, si è rifugiato a Verona, presso il quartier generale della congregazione dell'Istituto Antonio Provolo, in quanto ricercato dalle autorità giudiziarie argentine per essere stato complice, insieme a una ventina di altri colpevoli tra preti, suore, chierici, educatori e guardiani, di una serie di raccapriccianti abusi sessuali ai danni di bambini sordomuti, spesso orfani e poverissimi, avvenuti in Argentina nel collegi dell'Istituto.
Gli atti giudiziari su decine di casi di pedofilia emersi a Buenos Aires a partire dal 2016, quando furono arrestati i primi religiosi dell'istituto Provolo, riguardano i collegi di La Plata e Mendoza, fondati e diretti da sacerdoti italiani ora inquisiti. Nelle ordinanze d'arresto, finora inedite, i giudici argentini scrivono che i piccoli sordomuti senza famiglia venivano sottoposti a violenze e maltrattamenti che "in nulla si differenziano dalla tortura" e "riduzione in schiavitù". Gli abusi sui bambini, secondo le testimonianze delle vittime, sono "iniziati più di 50 anni fa e proseguiti fino al 2015 almeno".
Secondo l'inchiesta, realizzata da L'Espresso in collaborazione con i cronisti argentini della testata investigativa Perfil, "per decenni i vertici dell'istituto Provolo, sia in Italia che in Argentina, si limitavano a trasferire i sacerdoti sospettati di pedofilia, senza punirli né denunciarli alla giustizia. Per questo gli abusi sui bambini hanno potuto ripetersi in altre scuole e collegi, dagli anni '70 fino agli arresti di questi mesi, spesso con gli stessi protagonisti. Che dall'Italia hanno contagiato l'Argentina. Le violenze nei collegi di La Plata e Mendoza - scrive il settimanale - iniziano in coincidenza con l'arrivo di religiosi italiani trasferiti da Verona per 'immoralità sessuale', ma rimasti sacerdoti e mandati a dirigere i centri argentini per minorenni sordomuti".
In Italia lo scandalo degli abusi sui bambini nei centri veronesi dell'istituto Provolo era stato scoperchiato nel gennaio 2009 da un'inchiesta giornalistica dell'Espresso, firmata da Paolo Tessadri, che aveva pubblicato le prime testimonianze, scritte e firmate, di 15 vittime.
"La successiva istruttoria ecclesiastica, condotta dalla Congregazione per la dottrina delle fede, è stata chiusa però nel 2011 con risultati quasi totalmente assolutori: gli atti, finora inediti, documentano che è stato giudicato colpevole un solo sacerdote, su un totale di 26 accusati, mentre decine di vittime non sono state mai ascoltate - rileva l'Espresso - Tra i religiosi scagionati da quell'inchiesta religiosa compaiono anche preti italiani ora agli arresti in Argentina. Le carte inoltre mostrano che per cancellare ogni accusa su uno storico vescovo veronese, morto nel 1980 e dichiarato beato nel 2015, è stato utilizzato un documento-chiave che oggi risulta 'falsificato'".
"Papa Francesco Bergoglio - conclude il settimanale - non è in alcun modo coinvolto nello scandalo e non è mai citato nelle indagini italiane e argentine. Anzi, nel 2017 ha sanzionato e commissariato la congregazione del Provolo".
mm Antonio de Lieto Vollaro pubblicato il 14 giugno 2019 alle 13:24:
Le intercettazioni racchiuse nelle indagini sfociate nell’operazione “Malapianta” che ha portato a 35 arresti

Il procuratore antimafia di Catanzaro Nicola Gratteri è temuto, e non poco, dalle ‘ndrine crotonesi e per questo oggetto di pesanti minacce e ingiurie (“questo è un figlio di p…”). Lo si evince dalle nuove intercettazioni racchiuse all’interno delle indagini sfociate nell’operazione “Malapianta” portata a termine stamani che ha portato al fermo di 35 persone nel crotonese. “Però te la posso dire una cosa. – diceva Remo Mannolo, uno degli arrestati figlio del boss di San Leonardo di Cutro Alfonso, ai suoi compagni – Io sono convinto che lui ne fa arrestare di cristiani però nella mente sua… (ride)”. E poi l’accostamento del procuratore al giudice assassinato da Cosa Nostra Giovanni Falcone, definendolo “un morto che cammina”. “Guaglio uno di questi… uno… na botta… uno di questi è ad alto rischio ogni secondo!! Un morto che cammina!!! Ma lui lo ha detto. Pare che non lo ha detto!! Io lo so che cammino con la morte sempre sulle spalle! Eh… Falcone come è stato. Quando ha superato il limite !! Se lo sono cacciato!!!”.Ma non finisce qui. I boss in quella conversazione, oltre a prendere di mira anche i mafiosi che avevano scelto di collaborare definendo la loro decisione come “vergognosa”, si erano soffermati sul luogo di domicilio di Nicola Gratteri celato per ovvi motivi di sicurezza. “Ma questo dove abita…? A Catanzaro?”. “Ma questo ha tutti posti segreti. Così!!”. “Vabbè volendo. Lo scoprono!!”. Una frase allarmante che però, come ben specificato dal fermo di indiziato di delitto, “non contemplava alcuna concreta progettazione, né tanto meno costituiva prova di una concertazione volta a pianificare un attentato nei confronti del procuratore Gratteri”.

Il blitz “Malapianta”
L’operazione “Malapianta” contenente, tra i numerosi documenti di “alto livello probatorio”, le gravi minacce rivolte a Nicola Gratteri, è partita all’alba di oggi quando oltre 250 agenti delle fiamme gialle hanno eseguito un provvedimento di fermo disposto proprio dal procuratore Gratteri, dall’aggiunto Vincenzo Luberto e dai pm Paolo Sirleo, Antonio De Bernardo e Domenico Guarascio. In carcere sono finiti 35 affiliati alla cosca Mannolo di San Leonardo di Cutro con l’accusa di associazione di tipo mafioso, traffico di stupefacenti, estorsione, usura, tutte con aggravati da modalità mafiose. Tra questi è finito in manette anche Alfonso Mannolo, 80 anni, considerato dagli inquirenti “il capo indiscusso dell’omonimo sodalizio mafioso” legato anche alla famiglia dei Grandi Aracri. Per gli inquirenti, “la sua caratura criminale – si legge nel provvedimento di fermo – appare manifesta ben oltre il notorio, quale essere il vero referente del comprensorio di San Leonardo di Cutro. La sua indiscussa carica ‘ndranghetistica ne fa uno dei principali protagonisti della ‘ndrangheta crotonese. Pianifica le estorsioni nei confronti delle diverse strutture turistiche del litorale crotonese, attua il reimpiego dei capitali lucrati dalla consorteria, discute della politica criminale della locale di ‘ndrangheta con gli altri referenti della provincia quali Nicolino Grande Aracri”. Stando all’inchiesta, nonostante i suoi 80 anni, era attivo nel settore dell’usura che curava personalmente implementando la “bacinella” della cosca. Inoltre Alfonso Mannolo si recava “presso i domicili degli imprenditori vessati dalla consorteria spendendo chiaramente la matrice ‘ndranghetistica del sodalizio”. In manette anche i suoi figli, Dante e Remo Mannolo di 51 e 47 anni. Sempre nell’ambito dell’operazione della Guardia di Finanza sono stati sequestrati beni per 30 milioni di euro; 4 ville di lusso, sei autovetture, 4 società, 6 ditte individuali, rapporti bancari e assicurativi. Grande merito dell’esito dell’operazione è da attribuirsi alle coraggiose dichiarazioni dei testimoni di giustizia le quali si sono rivelate decisive ai fini d’indagine. “Questa indagine – ha spiegato Gratteri – ha un valore aggiunto, che va oltre ogni più rosea previsione considerando che siamo in una provincia ad altissima densità mafiosa, con una ‘Ndrangheta di serie A come c’è in provincia di Vibo Valentia. E’ successo un miracolo, è successo che imprenditori turistici che gestiscono grosse strutture alberghiere hanno denunciato, si sono ribellati alla ‘Ndrangheta. Questo per noi – ha continuato il capo della Dda catanzarese – è un grande evento, sul piano probatorio ma anche perché ci serve per misurarci e misurare la nostra credibilità come Dda e come polizia giudiziaria. Possiamo riempirci la bocca di parole, discorsi, frasi a effetto, ma i fatti – ha ribadito il magistrato – sono questi: che imprenditori, che hanno pagato negli anni tangenti anche per 700-800 mila euro e hanno subito estorsioni fatte in tanti modi, nell’acquisto di caffè e di tutto ciò che la merceologia prevede, che hanno subito imposizioni di ogni tipo, hanno denunciato”. Gratteri ha quindi affermato: “Il fatto che questi imprenditori si siano rivolti alla Guardia di Finanza di Crotone e alla Procura distrettuale di Catanzaro ci inorgoglisce, ci carica, è la benzina per andare avanti, ci dice che siamo sulla strada giusta, che in questi anni abbiamo seminato bene e fatto le cose sul serio: questa – ha rilevato il procuratore capo della Dda di Catanzaro – è la cartina di tornasole rispetto a tutti i proclami che possiamo fare”.

Il clan
Quella disarticolata, secondo il procuratore distrettuale antimafia di Catanzaro Nicola Gratteri, si tratta di una potente “locale” di ‘ndrangheta, capace di “controllare il respiro di un intero territorio”. Nella conferenza stampa convocata per illustrare l’esito del blitz, Gratteri, insieme al procuratore aggiuntoVincenzo Luberto e ai vertici della Guardia di finanza regionale e territoriale, ha ricostruito l’evoluzione e le dinamiche di una consorteria ‘ndranghetista attiva da quasi 50 anni sulla costa jonica crotonese: “La ‘locale’ di San Leonardo di Cutro – ha spiegato il procuratore capo di Catanzaro – può sembrare piccola, insignificante, e invece già negli anni ’70 Cosa Nostra aveva impiantato in quel territorio una raffineria per la lavorazione e la produzione dell’eroina: questo a conferma della credibilità criminale di questa organizzazione, perché vuol dire che già a quel tempo c’era una struttura ben radicata, al punto da confrontarsi con la Cosa Nostra di quegli anni, che – ha affermato Gratteri – non è quella di oggi ma è quella che dominava gran parte del territorio nazionale e persino negli Stati Uniti”. Gratteri ha poi sottolineato: “Per decenni quell’organizzazione è stata quasi dimenticata sul piano giudiziario, ma oggi grazie a questa indagine abbiamo dimostrato che c’era una ‘locale’ di ‘Ndrangheta che era intervenuta nella parte vitale di un territorio, quella economica”. L’aggiunto Luberto, sempre in riferimento all’identità della cosca Mannolo di San Leonardo di Cutro, ha evidenziato come il clan sia salito di prestigio criminale nella provincia di Crotone “al punto da avere un rapporto paritetico con il boss Nicolino Grande Aracri. Da rimarcare anche – ha sostenuto il procuratore aggiunto – il controllo che l’organizzazione esercitava sull’usura, gestita direttamente dai capi della consorteria e perpetrata anche lontano dalla Calabria, e i collegamenti che la cosca Mannolo aveva con altre cosche per il traffico di droga. Con questa operazione – ha riferito Luberto – chiudiamo il cerchio sul territorio di Cutro, impattando tutte le “locali” esistenti, oggi fortemente ridimensionate”.

Le attività
Una delle attività “madre” della cosca è il traffico di stupefacenti, fonte di grandi guadagni nelle tasche dei boss. Sin dagli anni ’90 per le altre cosche del Crotonese, ma non solo i Mannolo, hanno costituito un punto di riferimento per il narcotraffico. In quegli anni venne addirittura impiantata una raffineria a San Leonardo, località giudicata idonea in quanto facilmente controllabile dalla cosca e quasi impossibile da controllare per le forze dell’ordine. Le indagini hanno dimostrato come i “san leonardesi” si sono approvvigionati di droga dalle cosche operanti in provincia di Vibo Valentia, Catanzaro e Reggio Calabria e, inoltre, si sono dotati di una ramificata rete territoriale per la commercializzazione del narcotico principalmente su Crotone, Isola di Capo Rizzuto, Botricello e zone limitrofe in provincia e Catanzaro, San Giovanni in Fiore in provincia di Cosenza. Le indagini hanno documentato l’acquisto e la successiva cessione di centinaia di chilogrammi di hashish, cocaina ed eroina. Altra fonte di guadagno era l’incasso di denaro proveniente dalle attività estorsive esercitate sui villaggi turistici del litorale ionico fra Crotone e Catanzaro i quali soggiacevano al controllo criminale posto in essere dalla cosca.

Le soffiate
Per nascondere le tracce ed eludere gli investigatori i Mannolo avevano fatto appello ad “un’oscura rete di fonti e connivenze” che permetteva agli affiliati di conoscere in anticipo le mosse della magistratura e forze dell’ordine. Nelle 560 pagine che compongono l’ordinanza eseguita stamane dalla Guardia di Finanza si evidenzia “la costante ricerca, da parte degli indagati, di fonti informative in grado di riferire su vicende giudiziarie di loro interesse”. La diffusione tra i consociati di informazioni “sensibili”, permetteva l’adozione di adeguate contromisure. “La ricezione di tali informazioni – si annota nell’ordinanza – determinava immediate reazioni, finalizzate ad attuare precauzioni per eludere misure restrittive, eventualmente, emesse nei loro confronti”.
mm Antonio de Lieto Vollaro pubblicato il 14 giugno 2019 alle 8:47:
Terza e ultima parte dell'articolo precedente:
Le partite dei renziani al Csm – Quella per la nuova vicepresidenza del Csm non è l’unica partita interessante per i renziani. A confermare questa sua nuova passione per la toga era stato lo stesso Lotti, solo un anno fa. “Durante la mia funzione di sottosegretario ho incontrato molti membri non togati e togati del Csm con i quali parlavo del funzionamento delle commissioni del Csm. Ho incontrato anche altri pm e giudici di primo grado”, ha ammesso l’ex sottosegretario, interrogato nel maggio del 2018 dalla pm Christine von Borries. Il sostituto procuratore di Firenze voleva notizie su un incontro con  Antonio Savasta, l’ex pm di Trani poi arrestato per associazione per delinquere finalizzata alla corruzione in atti giudiziari e falso. Trani è la stessa procura dove l’avvocato Piero Amara tenta di fare aprire un’indagine sul falso complotto Eni. “Non riesco a ricordare bene Savasta e cosa mi chiese”, risponde l’ex ministro sottolineando che di magistrati ne ha “incontrati vari durante cene a Roma che avvenivano anche con membri del Csm e qualcuno anche a Palazzo Chigi e in altre occasioni”. Al momento dell’arresto anche Savasta era in servizio a Roma. Aveva chiesto lui stesso il trasferimento, dopo essere stato sommerso da esposti che ne segnalavano l’incompatibilità ambientale. A dare l’ok al suo passaggio nella Capitale era stata la prima commissione, della quale faceva parte in quel periodo lo stesso Palamara.
mm Antonio de Lieto Vollaro pubblicato il 14 giugno 2019 alle 8:45:
Seguito dell'articolo precedente:

Csm, così le correnti si dividono le nomine (a braccetto con la politica): il Nazareno in toga e l’uomo-cerniera Ferri
di Giuseppe Pipitone | 4 Giugno 2019
I rapporti tra magistrati e politica sono esplosi definitivamente con l'inchiesta della procura di Perugia, che ha spaccato direttamente Palazzo dei Marescialli: passo indietro di 5 togati su 16 (4 autosospesi e uno dimesso): hanno tutti incontrato il deputato imputato Lotti. Accompagnato dall'ex leader di Mi ed ex sottosegretario di Letta, Renzi e Gentiloni. Un meccanismo perverso, orientato dall'esterno per influire su poltrone fondamentali nell'amministrazione della giustizia.

Sono due mondi che dovrebbero stare a distanza di sicurezza. Poteri che – Costituzione alla mano – devono essere separati. E invece magistratura e politica non sono mai state tanto vicine. Di più: compenetrate. È un vecchio problema quello dei rapporti tra toghe e politica. Basti pensare che ciclicamente torna all’ordine del giorno la proposta di abolire tutte le correnti – un mezzo che inevitabilmente entra in contatto con la politica – per eleggere i membri del Csm e dell’Anm tramite sorteggio. Già quattro anni fa Piercamillo Davigo lasciò Magistratura indipentente denunciando “una certa sudditanza” dei colleghi nei confronti del mondo politico.  Una questione che è esplosa definitivamente con l’inchiesta della procura di Perugia. Indagine che ipotizza reati gravi per magistrati importanti e influenti, come Luca Palamara. E che grazie al trojan, installato sul telefono del pm indagato per corruzione, ha documentato i legami tra le correnti dei magistrati e i piani alti della politica. Per questo motivo l’indagine umbra è arrivata a spaccare il cuore del potere delle toghe: il Consiglio superiore della magistratura. Quasi un quarto del consiglio è fuori gioco: quattro consiglieri togati – quelli eletti dagli stessi magistrati – si sono autosospesi, uno si è dimesso. Il vicepresidente David Ermini – in un discorso concordato, corretto e limato fino alle virgole dal presidente della Repubblica – ha parlato di “degenerazioni correntizie, giochi di potere e traffici venali“. Il consigliere di Area, la corrente di sinistra, Giuseppe Cascini, ha parlato di vicenda assimibilabile “a quella della P2“.  I due si riferiscono ovviamente ai fatti emersi dall’inchiesta di Perugia. Cioè a un meccanismo perverso, orientato dall’esterno di Palazzo dei marescialli per indirizzare voti e quindi  influire su cariche e poltrone fondamentali nell’amministrazione della giustizia. Sul quale si allunga l’ombra di Cosimo Ferri, vero e proprio uomo cerniera tra il mondo delle toghe e quello della politica.

L’uomo cerniera tra toghe e politiche – Doppio figlio d’arte (il padre fu magistrato e politico col Psdi, ministro del governo De Mita), Ferri – che non è indagato – è ancora oggi il leader de facto di Magistratura Indipendente. Considerata da sempre la corrente di destra delle toghe – ne hanno fatto parte tra gli altri Paolo Borsellino, Marcello Maddalena, Pier Luigi Vigna e Davigo (poi uscito per fondare la sua Autonomia e Indipentenza) – a un certo punto si è trovata a essere la corrente più vicina al centrosinistra. Una giravolta degna dell’ultimo partitino di cambiacasacca, parallela allo sbarco in politica di Ferri. Magistrato acchiappavoti quando fu eletto al Csm e all’Anm, nel 2013 Ferri è passato direttamente dal vertice della sua corrente al governo: nominato sottosegretario alla giustizia dei governi di Enrico Letta, Matteo Renzi e Paolo Gentiloni, considerato all’inizio in quota Forza Italia – partito al quale aveva aderito il padre negli anni ’90 – non si dimette dopo che Silvio Berlusconi toglie il sostegno all’esecutivo. Si definiva un “tecnico“, prima di ottenere dal Pd un seggio alla Camera alle elezioni del 2018. È lui l’uomo del Nazareno con la toga.


Magistrati indagati, Csm a pezzi. Ermini: “Emersi traffici venali e giochi di potere”. Cascini: “Vicenda simile alla P2”
Il Nazareno in toga – Anche perché nel frattempo Ferri non ha smesso neanche per un secondo di esercitare la sua influenza su Magistratura indipendente. La prova? Alle ultime due elezioni per le elezioni del Csm. Nel 2014 – quand’era già sottosegretario – inviava sms ai colleghi per invitarli a votare i candidati della sua corrente. Quattro anni dopo – quand’era già deputato – non ha perso il vizio, anche se questa volta i suoi messaggi contenevano un solo nome da votare: quello di Antonio Lepre, poi ovviamente eletto. Lepre è uno dei due magistrati di Mi che si è autosospeso dal Csm nelle scorse ore. Insieme al collega Corrado Cartoni ha partecipato all’incontro con Ferri, Palamara, Luigi Spina e Luca Lotti. Oggetto dell’incontro: la nomina del nuovo procuratore di Roma. La stessa procura che accusa Lotti di favoreggiamento nell’inchiesta Consip.


Il contagio di Lotti – In questo senso quell’incontro documentato dal Gico della Guardia di Finanza è la rappresentazione plastica di come funzionano oggi le correnti nella magistratura. E come le stesse correnti siano legatissime alla politica. O almeno, alcune correnti. Attorno a quel tavolo, infatti, ci sono almeno dieci voti di consiglieri togati del Csm. Cinque sono di Magistratura indipendente, di cui il leader è ancora il deputato dem Ferri, rappresentata all’incontro dai consiglieri Cartoni e Lepre, più l’altro consigliere Paolo Criscuolo, che si è autosospeso nelle scorse ore pur non essendo mai citato nell’indagine. Altri cinque, invece, sono i voti di Unicost, la corrente di centro delle toghe, guidata da Palamara, ex presidente dell’Anm, e rappresentata al Csm da Spina, che si è dimesso dopo essere finito indagato per rivelazione di segreto e favoreggiamento. Si è autosospeso, invece, Gianlugi Morlini. Anche lui, come il collega Criscuolo, non è mai citato nell’inchiesta, ma ha fatto un passo indietro spiegando di aver incontrato casualmente lo stesso Lotti. Lo ha visto a un “dopo cena”, dove era andato per raggiungere altri magistrati. Tanto è bastato per convincerlo a fare un passo indietro. Una specie di prevenzione al contagio, che ha già messo fuorigioco quattro colleghi di Morlini.


Le manovre per la nomina del procuratore a Perugia. Così volevano screditare l'aggiunto Ielo
Il dopo cena tra giudici – Non è dato sapere, invece, cosa ci facesse Lotti a quel “dopo cena” tra giudici. In questa storia l’ex ministro dello Sport è l’unico personaggio a non vestire la toga. Eppure di giudici ne frequenta parecchi, spesso accompagnato dal collega di partito Ferri. D’altra parte Lotti è l’uomo al quale Renzi ha sempre affidato le missioni più delicate. Anche quelle sul fronte dei rapporti con la toghe. E infatti l’ex sottosegretario si è avvicinato a Ferri, una sorta di biglietto da visita umano per entrare nei ristretti giri di corrente dei magistrati. Ai quali l’accesso dovrebbe essere negato a un imputato. Soprattutto quando quei giri discutono di quale candidato votare al Csm come nuovo procuratore di Roma.


I giochi di corrente – Nel recente passato i giochi di corrente sono stati fondamentali anche per eleggere il vicepresidente di Palazzo dei Marescialli. Un’elezione che aveva spaccato il consiglio già all’esordio dei nuovi eletti. È grazie all’intesa tra Magistratura indipendente di Ferri e Unicost di Palamara se l’estate scorsa il Csm ha incoronato Ermini, ex responsabile giustizia del Pd, passato direttamente dal Parlamento alla poltrona numero due dell’organo costituzionale. Nonostante il parere contrario del numero uno, cioè il presidente della Repubblica. “I togati non possono e non devono assumere le decisioni secondo logiche di pura appartenenza“, aveva detto Sergio Mattarella alla vigilia dell’elezione di Ermini. Forse anche per questo motivo, per quell’elezione maturata all’interno del “Nazareno in toga”, che Lotti  si è poidetto deluso dal compagno renziano, spinto fino al vertice del Csm ma poi “non sufficientemente collaborativo“.
mm Antonio de Lieto Vollaro pubblicato il 14 giugno 2019 alle 8:43:
Csm, pg Cassazione: “Riunione consiglieri con Lotti non casuale. Imputato ha contribuito a scelta procuratore Roma”
di F. Q. | 13 Giugno 2019

L’atto di incolpazione del procuratore della Cassazione contro i 5 consiglieri che incontrarono i deputati Pd. “Riunione non fu casuale, i togati sapevano. Comportamento per influenzare in maniera occulta l'organo di autogoverno. Strategia di danneggiamento di uno dei candidati alla carica di procuratore di Roma". Le intercettazioni: “A Creazzo diciamo: tu qua perdi, che si fa?”. Bonafede: "Contestata anche la scorrettezza".
Un imputato che sceglie il futuro capo della procura titolare dell’inchiesta ai suoi danni. Ora non è più una semplificazione giornalistica. A definire in questi termini le riunioni dei consiglieri del Csm con Luca Lotti è il procuratore generale della Cassazione, Riccardo Fuzio, nell’atto di incolpazione con cui ha avviato l’azione disciplinare nei confronti di cinque consiglieri di Palazzo dei MaresciallI: gli autosospesi Corrado Cartoni, Paolo Criscuoli e i dimessi Antonio Lepre, Luigi Spina e Gianluigi Morlini.


Csm, le manovre di Lotti e Palamara sul pm che ha arrestato i genitori di Renzi: “Creazzo? Gli va messa paura. Liberi Firenze”
“Imputato si sceglieva il suo procuratore” – Nel documento che mette sotto accusa gli esponenti di Palazzo dei Marescialli si ripercorre la riunione notturna del 9 maggio scorso con lo stesso Lotti, il deputato del Pd Cosimo Ferri e il pm Luca Palamara. L’incontro è stato registrato dal trojan installato nel cellulare dello stesso magistrato accusato di corruzione. “Si è determinato l’oggettivo risultato che la volontà di un imputato abbia contribuito alla scelta del futuro dirigente dell’ufficio di procura deputato a sostenere l’accusa nei suoi confronti“, scrive Fuzio. L’imputato al quale si riferisce è chiaramente Lotti, per il quale la procura di Roma ha chiesto il rinvio a giudizio per corruzione.


Csm, Quirinale: “Mattarella non è mai intervenuto sulle nomine. L’ultimo incontro con Lotti risale al 6 agosto”
“Nessuna casualità nella riunione” – In quella riunione tra consiglieri togati e l’ex sottosegretario di Matteo Renzi, continua Fuzio, c’era nessuna “casualità”. Anzi: appare di “cristallina evidenza” “la preventiva e sicura consapevolezza” da parte di “tutti i consiglieri presenti, della presenza di Luca Lotti, oltre che del dottor Palamara e del dott. Ferri che ne erano i promotori”. Ciascuno dei componenti – continua il procuratore generale –  “sapeva esattamente e preventivamente chi sarebbe intervenuto e di cosa si sarebbe discusso”. E in tale riunione “furono stabiliti accordi e deliberati in dettaglio strategie, modalità e tempi della pratica inerente la nomina del futuro procuratore della Repubblica di Roma”. Per Fuzio il comportamento dei consiglieri “appare certamente idoneo a influenzare in maniera occulta l’attività funzionale dell’Organo di autogoverno, in ragione del dirimente rilievo che, alla programmata riunione in questione, sono stati non solo invitati soggetti completamente estranei all’attività consiliare ma, di più – rileva il pg – ne è stato accettato e recepito il contributo consultivo, organizzativo e decisorio anche in relazione a una pratica (nomina del procuratore della Repubblica di Roma), di diretto e diverso interesse personale per almeno due di essi”. L’ultimo a definire come “assolutamente occasionali, non programmati” quei discorsi con Lotti è stato Lepre, nella lettera con cui si è dimesso dal Csm poche ore fa. Ieri era stato Morlini a definire “inaspettato” l’intervento di Lotti all’incontro con gli altri magistrati, al quale lui era andato “casualmente ed in modo non programmato”.


Magistrati indagati, nelle carte nuovi nomi di consiglieri del Csm. E Lotti vantava legami col Quirinale
“Strategia di danneggiamento di Creazzo” – Nel suo atto di incolpazione, Fuzio ricostruisce come ci fosse una vera “strategia di danneggiamento” di uno dei candidati alla carica di procuratore di Roma, cioè il procuratore di Firenze Giuseppe Creazzo, che aveva arrestato i genitori di Matteo Renzi. Mentre si lavorava per “l’enfatizzazione” del profilo professionale del procuratore generale di Firenze Marcello Viola, poi il candidato più votato dalla Commissione per gli incarichi direttivi nella seduta del 23 maggio scorso. “Si vira su Viola, sì ragazzi“, dice Lotti, nelle intercettazioni captate dal trojan installato sul cellulare di Palamara. Anche il consigliere che poi l’avrebbe sostenuto in commissione , cioè lo stesso Morlini, prefigurando come sarebbe andato il voto in Commissione, spiega quali sarebbero state le prossime mosse: ” Noi contattiamo Creazzo e gli diciamo…Peppe guarda che qui noi ti possiamo votare. Ci sono cinque voti nostri e magari un laico. Ma tu qua perdi, che fai?“.

“A Creazzo va fatta paura” – In effetti dalle trascrizione depositate al Csm dal Gico della Guardia di Finanza di Perugia emerge come a Creazzo siano stati dedicati parecchi commenti dai partecipanti alla riunione. “Noi te lo dobbiamo togliere dai coglioni il prima possibile“, dice uno dei consiglieri a Lotti. Un altro interlocutore domanda: “Ma non ha fatto domanda per Torino Creazzo?“. Lotti è molto informato sul punto: “No, no”. “Se lo mandi a Reggio liberi Firenze“, dice Palamara. Lotti non può che essere d’accordo: “Se quello di Reggio va Torino, è evidente che questo posto è libero. E quando lui capisce che non c è più posto per Roma, fa domanda (per Reggio Calabria, ndr) e che se non fa domanda non lo sposta nessuno, ammesso che non ci sia, come voi mi insegnate a norma di regolamento un altro motivo”. L’altro “motivo” sembra essere l’esposto contro Creazzo. A un certo punto Ferri chiede a Palamara: “Ma secondo te poi Creazzo, una volta che perde Roma, ci vuole andà a Reggio Calabria o no, secondo voi?”. Il pm risposnde: “Gli va messa paura con l’ altra storia, no? Liberi Firenze, no?”.

“A Ermini qualche messaggio va dato forte” – Dall’atto di incolpazione di Fuzio emerge come Lotti volesse colpire David Ermini: “Però qualche messaggio gli va dato forte“, dice quella stessa sera l’ex sottosegretario di Renzi. Uno dei consiglieri, cioè Cartoni, raccontava di aver “problemi” con Ermini anche in Disciplinare. “Ho problemi con Ermini, ci ho litigato”, diceva a Palamara. E Lotti commentava: “Questo non va bene però”. Proprio oggi il braccio destro di Renzi era intervenuto su facebook per difendersi sostenendo di aver solo “espresso liberamente le mie opinioni: parole in libertà, non minacce o costrizioni. È stato scritto che lì sarebbero state decise le nomine dei capi di alcune Procure, scelta che in realtà spetta al Csm: ricordo infatti che queste nomine vengono approvate da un plenum di 26 persone, sono proposte dalla V Commissione e necessitano il concerto del Ministro della Giustizia. Quindi ho commesso reati? Assolutamente no. Ho fatto pressioni o minacce? Assolutamente no”. Secondo Lotti, in questi giorni, ha dovuto “sopportare una vera e propria montagna di fango contro di me. Ci sono abituato, un politico deve esserlo per forza. Ma davvero stavolta credo siano stati superati dei livelli minimi di accettabilità. Procederò in tutte le sedi contro chi in queste ore ha scritto il falso su di me e lo farò a testa alta come un cittadino che crede nella giustizia e in chi la amministra”.
ZanielTen ZanielTen da ZanielTen pubblicato il 15 maggio 2019 alle 15:11:
write my essay
write my paper for me

[url=http://bestcbdoil4pain.com]cbd
[/url] best cbd oil for pain
[url=http://cbdvapejuice1.com]cbd vape oil
[/url] best cbd vape oil
[url=http://cannabisoil-cannabidiol.com]best cbd oil
[/url] best cbd oil
[url=http://walmart-cialis.com]cialis over the counter walmart
[/url] cialis over counter at walmart
[url=http://viagrawithoutdoctorpres.net]viagra for sale
[/url] viagra without a doctor prescription
[url=http://cbdoilforsales.com]buy cbd oil
[/url] buy cbd oil

write my essay
essay writing service
[url=http://withoutdoctorx.com]viagra without doctor prescription
[/url] viagra without doctor prescription usa
[url=http://withoutdoctorz.com]viagra without prescription
[/url] viagra without a doctor prescription usa
[url=http://xlviagravfs.com]generic viagra
[/url] generic viagra for sale
[url=http://xlviagragen.com]generic viagra online
[/url] viagra usa
[url=http://xlviagrabtc.com]generic viagra for sale
[/url] cheap viagra for sale
[url=http://gtviagragen.com]viagra for men
[/url] generic viagra
[url=http://gnviagravrx.com]generic viagra
[/url] generic viagra online
[url=http://levitranrx.com]levitra 20 mg
[/url] generic levitra online
[url=http://levitrastr.com]levitra 20mg
[/url] levitra 20 mg
[url=http://levitracan.com]generic levitra
[/url] levitra 20 mg

essay writing service
best essay writing service

write my essay
essay writing service
mm Antonio de Lieto Vollaro pubblicato il 29 marzo 2019 alle 9:55:
A parte ciò che si può criticare al ministro Salvini, l'opposizione deve dare atto, che ha fatto più lui in 8 mesi di governo, che il governo precedente del PD di Renzi, in 6 anni e gli altri precedenti tecnici e berlusconiani. Fatti reali e concreti di prima necessità fondamentali e nn bazzecole di primo interesse personale a favore degli stessi politici, bensì a favore per la prima volta del popolo sovrano. Chi è ladrone colluso con i precedenti politici, ovviamente avrà da ridire come sempre, sentendo il cambiamento di un vento gelido a suo sfavore.

Legittima difesa è legge: arriva l'ok del Senato. Salvini esulta.

Legittima difesa è legge: arriva l'ok del Senato. Salvini esulta
Applausi dalla Lega e da parte del Movimento cinque stelle
Il vice premier, Matteo Salvini, con senatori della Lega in Senato dopo il voto.

La riforma della legittima difesa è legge: l'Assemblea del Senato ha infatti approvato il provvedimento, in terza lettura, con voti 201 favorevoli, 38 contrari e 6 astenuti. Il voto è stato accolto dagli applausi della Lega e di parte dei M5s.

In Aula il ministro dell'interno Matteo Salvini, il ministro per la Pubblica amministrazione Giulia Bongiorno e quello per l'Agricoltura Gianmarco Centinaio. Assenti i rappresentanti di governo del Movimento 5 stelle.

"Questo 28 marzo è un giorno bellissimo non per la Lega ma per gli italiani - afferma Salvini -. Dopo anni di chiacchiere e polemiche è stato sancito il sacrosanto diritto alla legittima difesa per chi viene aggredito a casa sua, nel suo bar, nel suo ristorante. Non si legittima il Far West ma si sta con i cittadini perbene".
Condividi: