La mia 2 intervista su mob magazine a cura di Andrea Giostra

Antonio de Lieto Vollaro, scrittore catanese, presenta il suo romanzo “Moventi incrociati” | INTERVISTA 

«xxxxxxxxxxxxxxxxx» Antonio de Lieto Vollaro

Ciao Antonio, benvenuto e grazie per aver accettato il nostro invito.

Ciao a te e grazie per avermi invitato a questa seconda intervista.

Ci parli del tuo nuovo libro, “Moventi incrociati”? Come nasce, qual è l’ispirazione che lo ha generato, qual è il messaggio che vuoi che arrivi al lettore, quale la storia che ci racconti senza ovviamente fare spoiler?

La trama inizialmente doveva essere il seguito di “Rivoluzione Silente in nome del popolo sovrano, tutti dentro”, con i principali protagonisti. Però nel creare il soggetto, mi resi conto, che stava venendo fuori tutt’altra storia, dove gli sfondi sociali, come nel mio stile, s’intersecano con la trama. A quel punto, lo feci diventare un soggetto a sé, pur mantenendo gli stessi principali protagonisti, amplificando la tematica sociale, sull’omofobia. Il messaggio ho voluto che gridasse provocatorio, principalmente il mancato sostegno, in primis in famiglia, che i ragazzi hanno oltre a quelle problematiche di razzismo omofobo, nei loro riguardi, a scuola, in società con gli altri ragazzi e nel lavoro dopo. Io non ho avuto di questi problemi con i miei 3 figli, una femmina e due maschi, tuttavia sono stato e lo sono tutt’ora acuto osservatore e testimone, di quel che accade nelle famiglie, quando i ragazzi, sono nella fase tra la pubertà e adolescenza; essi prendono coraggio nel rivelarsi, prima con la sorella o fratello, poi con la mamma e con il papà. Questo lo ribadisco sempre: 

questi bambini hanno di per sé, già il doppio trauma della trasformazione dalla pubertà all’adolescenza, che già non è facile per nessuno quella normale, figuriamoci doppia, nel capire prima se stessi e poi rivelarsi, ponendo infinite domande sulla loro strana crescita e trasformazione. Le famiglie, che dovrebbero tutelarli ed aiutarli in ciò, diventano spesso i loro primi nemici a cui nascondersi.  Poi ci sono altri problemi legati sempre al mancato sostegno dei genitori, e qui c’entra relativamente il ceto sociale in sé, anche se io ho preso ad esempio quello più agiato e benestante, dove essi sono spesso assenti, perché impegnati nel lavoro, e non si curano dei figli e soprattutto della loro educazione, nel rispetto dei soldi facili e mal gestiti da essi, con la presunzione di conoscerli a fondo, per poi scoprire l’uso improprio in alcol e stupefacenti.

Chi sono i destinatari che hai immaginato mentre lo scrivevi?

In verità ho quasi risposto leggendo tra le righe, i destinatari dei messaggi sono tutti, sia chi si trova con questa tematica sociale, come genitori, parenti amici, compagni di scuola, sia i ragazzi che si trovano in prima persona a lottare per avere rispetto per la loro personale identità. Perché la personale identità, che sia sessuale, religiosa, etnica o altro, riguarda unicamente la propria dignità umana e libertà del singolo soggetto. Agli adulti in generale, che siano genitori o amici a riflettere prima di isolarli, bensì dare loro il giusto sostegno morale, sociale e legale ai ragazzi, invece vivono una identità sessuale che è diventata oggetto di razzismo omofobo, a lottare sempre per il proprio rispetto in assoluto.

Una domanda di rito che oramai conosci Antonio: perché i nostri lettori dovrebbero comprare “Movimenti incrociati”? Prova a incuriosirli perché vadano in libreria o nei portali online per acquistarlo.

 Il motivo per cui non devono perderlo e arricchire la loro biblioteca casalinga, sta che nulla è scontato, fino all’ultima pagina, ove i colpi di scena dettati proprio dalla strana amicizia dei tre giovani e dalle tematiche sociali si scontrano con la logica, e creano non pochi problemi al commissario nel risolvere questo intrigante caso. In esso ci sono ironia, poesia, sarcasmo, ideologia, tutte fittamente cucite con la trama intersecata con tessuti sociali, che rendono di per sé, i moventi, appunto incrociati tra loro, piste depistate continuamente da una logica razionalità stravolta da una immensa amicizia con spunti pure trasgressivi tra due ragazzi e una ragazza, il cui amore tra loro va oltre la possibile immaginazione, che il commissario non si è mai trovato ad affrontare, nella sua lunga carriera di poliziotto, in vita sua.

C’è qualcuno che vuoi ringraziare che ti ha aiutato a realizzare questa opera letteraria? Se sì, chi sono queste persone e perché le ringrazi pubblicamente?

Le uniche persone che stanno rendendo grande questo mio ultimo lavoro letterario, con il loro immenso lavoro organizzativo, è lo staff della mia casa editrice, la “Carthago edizioni”. Un grande grazie e gratitudine

per aver creduto ed essersi innamorati del romanzo dal primo istante. In particolare, lo dico alla responsabile editoriale e marketing Margherita Guglielmino e all’amministratore delegato della casa editrice, Giuseppe Pennisi, al bravissimo Marco, veloce grafico, nel rendere subito operativo qualsiasi testo e relativa correzione, ad Alfredo Polizzano, per il suo minuzioso, dettagliato, pignolo quanto professionale lavoro di editing, che ha reso il mio romanzo e successivi in corso d’opera, un prodotto d’alto livello, per i lettori più critici e attenti a tutto.

Hai in mente di fare delle presentazioni del tuo nuovo libro? Se sì, dove e quando? … così i lettori che fossero interessati potranno venire a trovarti.

Sicuramente, infatti il mio ringraziamento e gratitudine è dovuto all’altissima organizzazione e professionalità, nell’organizzarmi i tour delle presentazioni in diverse città italiane. Ho da poco concluso il tour estivo nei lidi della mia città e stiamo proseguendo con quello autunnale. Da poco il 21 settembre si è svolta la presentazione nella biblioteca comunale Paternò, la prossima sarà il 6 ottobre a Taormina, presso il castello castello dei duchi di Santo Stefano, subito dopo 8 ottobre a Napoli, presso la libreria “Iocisto” al Vomero, subito dopo ad Acireale, credo fine ottobre, con data da definire, e a novembre è prevista, con data certa da destinarsi a Milano. Seguiranno altre città, nel nuovo anno, tra le quali, Roma. Padova, Mantova. I lettori saranno avvisati per tempo dalle locandine ufficiali.

Nella tua attività letteraria hai pubblicato altri libri e romanzi. Ci fai una sintesi delle storie e dei romanzi che hai scritto perché i lettori di questa intervista conoscano gli altri tuoi libri?

La mia prima trilogia fantasy genere spy story è nata 20 anni fa, editata con diverse case editrici, con il primo volume, intitolati: “Amica terrore” telematico”, secondo volume (il seguito del primo intitolato) “Indietro nel futuro e surreali percezioni” a concludere la trilogia “Enigma Mortale”. Dopo sei anni di studi e ricerche, nel 2016 uscì” Rivoluzione silente” La cui trama tratta la collusione mafia-stato. Con grandi numeri di successo di vendita. Nel frattempo, intercalate tra le varie pubblicazioni di prosa, due raccolte di poesie e due antologie internazionali in cui sono l’unico autore presente con più poesie in entrambe, rispetto ad altri autori. 

 

Dove potranno seguirti i nostri lettori?

Io sono presente in diversi social: Facebook, Istagram, Linkedin e in ultimo sul mio sito personale visibile in tutto il mondo www.antoniodelietovollaro.itmoventi_incrociati1

Come vuoi concludere questa chiacchierata e cosa vuoi dire a chi leggerà questa breve intervista?

Concludo  che ogni mio scritto, romanzo o poesia è ispirato da eventi veri, storie e notizie realmente accadute e prese dai giornali o di cui sono stato personalmente testimone. Ovviamente per tutelare la privacy, invento il soggetto, la trama e nomi dei personaggi, però prendo spunto e ne parlo apertamente con precisi riferimenti che poi chiudo in ogni romanzo con la solita frase: ogni riferimento a persone, cose, città, luoghi, sono puramente casuali. L’acquisto in libreria è sempre gratificante per ogni autore, venire a sapere di molte vendite, oltre alle dirette, durante le diverse presentazioni, da persone attratte dalla sintassi della trama sulla quarta di copertina, dalla copertina stessa, dal portfolio e da tutto il lavoro di marketing che la mia casa editrice svolge, è una ottima cura per farmi salire il morale alle stelle. Quindi, non perdetevelo assolutamente e dopo aspetto un vostro commento ovunque lo vogliate.

 

Antonio de Lieto Vollaro

https://www.facebook.com/antonio.delietovollaro1 

https://www.antoniodelietovollaro.it/ 

 

Link del libro:

Antonio de Lieto Vollaro, “Movimenti incrociati”, Carthago edizioni, Catania, 2021.

https://www.carthago.it/product/moventi-incrociati/ 

 

Andrea Giostra 

https://www.facebook.com/andreagiostrafilm/  

https://andreagiostrafilm.blogspot.it  

https://www.youtube.com/channel/UCJvCBdZmn_o9bWQA1IuD0Pg 

Condividi:

Moventi incrociati il nuovo poliziesco

Potete prenotarlo in ogni libreria su tutto il territorio nazionale Feltrinelli o presso la vostra libreria di fiducia, o per gli amici di Catania e provincia presso la libreria Fenice in via Garibaldi 133 a Catania, oppure richiederlo al sottoscritto tramite email delietovollaro.a@gmail.com o messenger e vi arriverà a casa vostra con dedica personalizzata e autografata e senza alcuna spesa di spedizione. Solo il prezzo di copertina di 18 euro. Una ottima idea, oltre che per una piacevole lettura personale, anche come regalo, per qualsiasi evento familiare o di amici, amanti della lettura e specificatamente del poliziesco e noir.


https://m.facebook.com/story.php?story_fbid=6059038364166688&id=165729436830973

Condividi:

Riflessione sull’amicizia e la sua nascita

L’amicizia è il seme di ogni rapporto relazionale, che sia sportivo di lavoro, religioso o d’amore. L’empatia è quella scintilla che fa sbocciare l’amicizia più vera, sincera, come in amore scocca la scintilla del colpo di fulmine, il quale è sempre subito dopo una piacevole conseguenza della scintilla dell’empatia. Praticamente se riflettete è tutta una conseguenza di reazioni a catena, le quali vengono poi alimentate dai nostri comportamenti a loro volta guidati dagli stessi.
Noi in quel momento non ci riflettiamo, siamo presi dal portare avanti una amicizia che non sappiamo dove ci porterà, ma non ci interessa in quel momento, poiché attratti fisicamente o meglio dalla bellezza dell’anima dell’altra persona, per come si pone, gentilezza, cordialità, disponibilità, affabilita’ e pure l’altra persona avvertendo contemporaneamente da noi le stesse intensità, emozioni, attenzioni e senza renderci conto che con le nostre parole, atteggiamenti diamo vita allo scoccare della prima scintilla. Vi ho voluto fare questa antifona dell’amicizia, in quanto sono fortemente convinto della mia teoria che l’energia dell’amore universale è unica, come una centrale elettrica, da cui si diramano miliardi di cavi, più o meno grossi o sottili che vanno ad accendere e alimentare tutti i tipi rapporti nel mondo. Concludo affermando che l’amicizia è la sorella gemella dell’amore assessuata, libera, capace di unire miliardi di persone, senza vincoli mentali di appartenenza, gelosia, possessivita, invidia e altre forme negative che invece purtroppo esistono nell’amore che paradossalmente dovrebbe essere invece il principale protagonista nei rapporti tra le persone, e che invece unisce due persone, ma non sempre con la stessa sensibilità e attenzioni e sensibilità, che l’amicizia riesce con molteplici rapporti contemporaneamente. Voi leggete i miei scritti sull’amore, ma l’amore dona solo brevi istanti di felicità, passione, complicità. Solo chi sono realmente attratti innamorati, dell’anima e mente dell’altro, possono sperare con sforzi, volontà e coraggio a far sì che quei brevi istanti di felicità durino una eternità.

Condividi:

Un video verità chi era il dr. de Donno.

https://www.facebook.com/LeonardoLeoneOfficial/videos/503581934063363/ Continua a leggere

Condividi:

Antonio de Lieto Vollaro

Moventi Incrociati

Un breve incipit del mio poliziesco che non hai mai letto in vita tua e da tenere nella vostra personale libreria di casa.
Il commissario Lo Cicero si trova con una bella gatta da pelare nel risolvere un caso davvero complicato, già dal 1 omicidio dove sfondi sociali si intersecano tra loro, complice anche una splendida immensa amicizia a tre, tra una ragazza e due ragazzi. Poesia, romanticismo, ideologia, suspens e action, accompagneranno il lettore fino all’ultima pagina, dove nulla è scontato.
Vi ricordo che potete prenotarlo presso ogni libreria su tutto il territorio nazionale, anche in quella del paese più remoto, però sarebbe preferibile prenotarlo tramite email all’indirizzo delietovollaro.a@gmail.com, oppure in pvt su Messenger, scrivendomi il vostro indirizzo, per riceverlo direttamente a casa vostra, con dedica personalizzata e autografata, senza alcuna spesa di spedizione. Solo il prezzo di copertina..IMG-20210227-WA0008

Condividi:

8 marzo commemorazione della donna e non festa

Già, oggi , si celebra nuovamente la giornata della donna, dei suoi diritti mancati, ma l’uomo con la u minuscola piccola piccola, uguale alla sua convinzione e materia cerebrale che lo porta a pensare che la donna debba avere solo doveri e pochissimi diritti di scarso valore. Ma non ha mai pensato che il valore della donna è un valore incommensurabile con la V maiuscola. Oggi si deve celebrare il lutto della donna, il lutto per tutte le vittime di femminicidi, solo in Italia, perché nel resto del mondo, non é dato da sapere, quante sono le vittime. Perché ciò che rattrista è proprio la bassa cultura di pensiero di considerazione sulla e della donna in gran parte del mondo . Io tifo per colei che mi ha messo al mondo insieme al mondo, a colei che pur stando male, si alza cmq, pulisce, cucina, lava stira, e soprattutto ti cura, che sia madre, moglie, compagna, sorella, o figlia e quando stai male tu, “uomo” che per una minima cosa, ti metti a letto e non puoi fare nulla. La donna no, essa ha il dovere di fare tutto anche se sta male, deve farsi forza comunque, anche l’educazione dei figli, se c’è ne sono. E I diritti niente, ogni tanto qualche viaggetto, un regalino, na pizza, un complimento, un grazie? Qualcuno forse, a sentire di tante, purtroppo, sono altrettanti tanti gli uomini. Per fortuna non tutti. Purtroppo siamo la minoranza, in Italia e nel mondo a trattarle con il rispetto che meritano, ad aiutarle in qualche modo e ringraziarle come meritano con regali e considerazioni che fanno piacere sempre ad una donna. Domani dovrà essere un giorno speciale di riflessione, ma quante volte ho scritto di ciò, ogni anno e il giorno dopo, un’altra notizia di femminicido. E la storia continua, spero sempre in evoluzione nei diritti della donna e meno doveri, che la sua coscienza se ne fa fin troppo carico.FB_IMG_1615186903898

Condividi:

Moventi incrociati

Domani pomeriggio 2 marzo, ore 16 sul canale digitale terrestre terrestre 819 Global Television, oppure qui su fb sulla pagina della Carthago edizione, prima diretta televisiva per parlarvi finalmente del mio nuovo romanzo. Un thriller mozzafiato fino all’ultima pagina dove nulla è scontato.IMG-20210227-WA0008

Condividi:

L’empatia d’amicizia

  1. _image_54884Lo sguardo nell’anima avviene in due modi:tramite gli occhi, se si ha la fortuna di potersi immergere nell’anima tramite essi, oppure con l”empatia, la cui luce non conosce barriere e distanze. La sensibilità è quella essenza profonda che presenta la sincerità dello stato d’animo identico al nostro. Non saranno le parole in sé ad essere scambiate a distanza, bensì la luce che esse riescono a portare a chi ci ricambia il suo affetto e amicizia immediata. Buon giorno splendida amica mia 🌹🌹🌹
Condividi:

Quando non ci sei

Quando non ci sei

Anche quando non ci sei,
del tuo essere, m’innamoro di te,
anche quando non ci sei,
io ti dico ti amo, e al vento affidato,
lo lascio volare al tuo cuore
diretto arrivare, come rondine al nido.
Quando tu non sei con me,
tu non lo sai, ti sento con me.
Quando non ci sei, la tua voce è nei miei ricordi, viva dei nostri momenti, come fossi
presente in un ferma immagine e noi abbracciati stretti da dimenticare il mondo attorno a noi, mentre ci diciamo: amore mio ti amo.
Quando non ci sei, nulla importa
niente conta, finché abbracciati
nuovamente felici ci ritroviamo.

Copyright di Antonio de Lieto Vollaro2cd49a2ae8c9a3eedc83f3b19145b56a

Condividi: