A chiù Meraviglia

adb010d1ca82d097571eb113e6ea15c9se

Nèll mia vità, nun pòzzo dir
d”avèr nullà avutò, amici veri,
soldì, caprìcc e benessere.
Nèll mia vità, nullà m”è mancato,
affètt e’ pate e madrè,
d figlì e nu poc muglier. Peccàt fàcc
s me lament, obbiettìv song
d buòn cristian ammett.
è ripet a me stess,
ch senzà peccàt me scagli,
pèrò a’ pietr cchiu’ rross
A Dio sol pèrò, dei mie peccàt
dàrò contò, leggèr isso in
anìm mia costantè, vere
cìò ca’ altrì maje saprann,
è interèss nun c”è, che
debbàn sapé oltrè Luì.
Ch meraviglià traspar,
dèl donò ebbì ra Luì,
ìn anema e cor miò,
l”amòr ca’ riùscì a
cambiàr a’ vità mia,
dimenticàr dolor e beni
assaporàr serenìtà d”amar
coleì anema suà, subitò fu
amòr chìù meraviglià avutà
maì, si nun e’ figlì mieì, gioièll donatì
d isso benedettì, ppe tuttò ciò ca’
d benè, da. isso riconosciutò, feci,
daì peccàt su chesta terrà
compensati.
Leì posè ‘ncoppa mia strada,
dòn io ppe leì, sofferènt e’ nu’
passàt tristè, fumm entràmb
finarmente ricompensatì.
Diò, chìù Meraviglià dell”univer,
pèr noì, devotì figlì,
c donò” quàl meraviglià
l”ùn ppe l”altrò, ppe l”eternità,
erròr sanò” ppe Sua manò,
ch ra tiemp meritav
a’ vità insiem.
Copyright di Antonio de Lieto Vollaro
Traduzione in italiano

A chiù Meraviglia

Nella mia vita, non posso dir
d’aver nulla avuto, amici veri,
soldi, capricci e benessere.
Nella mia vita, nulla m’è mancato,
affetti di padre e madre,
di figli e nu poco moglie. Peccato facc
se mi lamento, obbiettivo sono
di buon cristiano, ammetto,
e ripeto a me stesso,
chi senza peccato mi scagli,
però la pietra più grossa.
A Dio sol però, dei miei peccati
darò conto, legger Lui in
anima mia costante, vede
ciò che altri mai sapranno,
e interesse non c’è, che
debbano sapere oltre Lui.
Chi meraviglia traspare,
del dono ebbi da Lui,
in anima e cor mio,
l’amor che riuscì a
cambiar la vita mia,
dimenticar dolori e beni
assaporar serenità d’amar
colei anima sua, subito fu
amor chiù meraviglia avuta
mai, se non i figli miei, gioielli donati
da Lui benedetti, per tutto ciò che
di bene, da. Lui riconosciuto, feci,
dai peccati su questa terra
compensati.
Lei pose sulla mia strada,
dono io per lei, sofferente di un
passato triste, fummo entrambi
finalmente ricompensati.
Dio, chiù Meraviglia dell’universo,
per noi, devoti figli,
ci dono’ qual meraviglia
l’un per l’altro, per l’eternità,
error sano’ per Sua mano,
chi da tempo meritava
la vita insieme.
Copyright di Antonio de Lieto Vollaro

Condividi: